Credito: finanziate 8 imprese su 100 tra aprile e giugno

Cresce la richiesta di credito delle PMI, ma le banche faticano a concederlo.

Redazione MondoPMI
0
0
credito alle imprese

Cresce il fabbisogno finanziario delle imprese del terziario nel secondo trimestre del 2016, ma le difficoltà nell’accesso al credito non mancano: a rivelarlo sono i dati dell’Osservatorio Credito Confcommercio (OCC) realizzato da Confcommercio – Imprese per l’Italia in collaborazione con Format Research.

Secondo i dati dello studio, infatti, nel periodo aprile – giugno cresce dello 0,1% la percentuale di imprese che si recano in banca per chiedere un fido, un finanziamento o per rinegoziare un fido o un finanziamento (il 22,1% rispetto al 22% del trimestre gennaio – marzo), ma allo stesso tempo si registra una leggera flessione della percentuale di quelle che ricevono l’ammontare richiesto, cioè il 38,2% rispetto al 38,7% del trimestre precedente. Dall’indagine emerge anche che la percentuale di imprese effettivamente finanziate è pari all’8,4%, in leggera flessione rispetto all’8,5% del trimestre precedente.

banner-adwords-analytics-pro-OK-12

Uno dei dati più rilevanti tra quelli proposti dallo studio, comunque, è che il 24,3% delle imprese, quasi una su quattro, evita di chiedere il credito di cui necessita per la scarsa fiducia nella situazione economica, per il timore di vedere respinta la propria richiesta, o perché preferisce rivolgersi ad altre fonti di finanziamento. Se si somma questa “domanda inespressa” al 22,1% di imprese che hanno richiesto un finanziamento, sale al 46,4% la domanda potenziale complessiva di credito bancario. 

La necessità di credito da parte delle imprese, quindi, continua a manifestarsi ed è sintomo di una ritrovata voglia di investire che, purtroppo, si scontra con una scarsa risposta da parte del sistema bancario. La speranza è che le esigenze delle imprese e le disponibilità degli istituti di credito possano presto tornare ad incontrarsi per dare nuovo impulso al sistema economico.

Photocredits Shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

19 − 17 =