I vantaggi del Factoring spiegati da Giovanni Bossi (AD Banca IFIS)

Redazione MondoPMI
0
0
Giovanni Bossi

Oggi le aziende, in particolare le PMI, hanno bisogno di finanziamenti alle imprese per sostenere il proprio business, poter pagare le fatture o gli stipendi dei propri dipendenti.

Il Factoring è uno strumento di credito che si differenzia da un normale finanziamento, si tratta infatti di un contratto tra imprese e factor (Banca o società finanziaria) mediante il quale l’impresa cede i propri crediti commerciali al factor ricevendo in cambio liquidità.

Il Factoring vale sia per i crediti che le imprese vantano nei confronti di altre aziende, sia nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Tra i vantaggi di questa forma di finanziamento:

  • poter richiedere liquidità senza richiedere finanziamenti;
  • supporto amministrativo: uno specialista della Banca si occuperà del recupero crediti;
  • gestione d’impresa: grazie alla programmazione dei flussi di denaro.

Questi sono i vantaggi che grandi, ma soprattutto Piccole Medie Imprese possono riscontrare nel ricorso a questo strumento finanziario. E’ importante sottolineare che l’azienda interessata a stipulare un contratto di Factoring viene valutata in base alla qualità del suo credito e alla capacità produttiva, non attraverso il patrimonio.

 

Per maggiori informazioni sul Factoring, guarda l’ intervista di Giovanni Bossi, AD di Banca IFIS, durante la trasmissione il Salvadenaro:

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

15 − 6 =