Fondimpresa: 72 milioni per formazione nelle imprese

Nuove risorse per finanziare Piani Formativi incentrati sulla competitività

Redazione MondoPMI
0
0
formazione nelle imprese

Fondimpresa è il fondo paritetico interprofessionale di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil, che promuove la formazione nelle imprese al fine di fornire ai lavoratori le adeguate conoscenze sui temi chiave aziendali.

Con l’avviso n. 4/2017, l’associazione ha reso noto lo stanziamento di risorse pari a 72 milioni di euro, suddivisi in due eque scadenze, per la creazione di Piani formativi, volti ad istruire quadri, impiegati ed operai sulla competitività delle imprese nel mercato. I finanziamenti di Fondimpresa verranno erogati sotto forma di contributi per la realizzazione di programmi formativi in ambito territoriale, settoriale ed ad iniziativa aziendale. Ciascun Piano formativo finanziato potrà interessare solamente uno degli ambiti in questione.

Piani formativi in ambito territoriale

Il finanziamento da parte di Fondimpresa è finalizzato alla realizzazione di Piani formativi che coinvolgono più imprese situate in territori regionali o sub-regionali, facenti parte della stessa Macro Area. Questo criterio non prende in considerazione la categoria merceologica a cui le aziende appartengono, ma solamente la zona di riferimento:

  • A-Nord: Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trento, Bolzano;
  • B-Centro: Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Marche, Abruzzo, Molise;
  • C-Sud e Isole: Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna.

Per questo ambito i due periodi all’interno dei quali potranno essere richiesti finanziamenti per formazione nelle imprese saranno rispettivamente: dal 29 novembre al 22 dicembre 2017 e dal 14 maggio al 4 giugno 2018.

Piani formativi in ambito settoriale

In questo caso i Piani formativi sono costituiti in base al settore o alla rete di filiera produttiva: le imprese aderenti al programma devono provenire da due o più regioni differenti per poter ottenere contributi in ambito formativo. Più nello specifico, la quota minima di aziende appartenenti alla regione o provincia meno coinvolta deve essere almeno pari al 30% del totale delle imprese partecipanti al Piano, sia che queste siano due o più. Lo scopo è quello di cercare di soddisfare fabbisogni formativi comuni alle aziende appartenenti alla stessa categoria merceologica o a reti e filiere integrate.

I periodi in cui sarà possibili richiedere finanziamenti saranno dal 14 novembre al 4 dicembre 2017 e dal 9 aprile al 4 maggio 2018.

Piani formativi ad iniziativa aziendale

In quest’ultimo caso la costituzione di Piani formativi deriva dalla proposta di più soggetti già aderenti a Fondimpresa, e quindi già beneficiari di formazione nelle imprese proprie. Anche se provenienti da regioni differenti, le aziende proponenti e beneficiarie devono avere fabbisogni e obiettivi formativi comuni: queste inoltre devono far parte dello stesso gruppo societario o rete di imprese già costituita.

In tal caso le date entro cui si possono richiedere finanziamenti per i Piani formativi vanno dal 16 ottobre al 6 novenari 2017 e dal 15 marzo al 6 aprile 2018.

Aree tematiche dei Piani formativi

I Piani formativi finanziati da Fondimpresa per le imprese aderenti dovranno volgere intorno a determinate aree tematiche:

  • Qualificazione dei processi produttivi e dei prodotti;
  • Innovazione dell’organizzazione e applicazione di nuovi metodi organizzativi nelle pratiche commerciali e nelle relazioni esterne di un’impresa;
  • Digitalizzazione dei processi aziendali attraverso progetti o interventi di innovazione tecnologica attraverso l’introduzione di nuovi processi in azienda o miglioramento di quelli già esistenti;
  • Sviluppo di attività di commercio elettronico B2C o B2B per l’apertura al mercato internazionale;
  • Creazione di contratti di rete;
  • Attuazione di processi di internazionalizzazione.

Destinatari e beneficiari dei Piani formativi

Potranno richiedere finanziamenti per la presentazione di Piani formativi, le aziende aderenti a Fondimpresa, già beneficiarie di attività di formazione nelle imprese, e enti già iscritti nell’elenco dei soggetti qualificati da Fondimpresa.

A fruire di questi Piani formativi potranno essere invece tutti i lavoratori occupati in imprese che hanno aderito a Fondimpresa o che hanno rilasciato la dichiarazione di partecipazione al Piano.

Durata e termini di presentazione dei Piani formativi

I Piani formativi devono obbligatoriamente concludersi entro 13 mesi dalla data di ricevimento della comunicazione dell’ammissione al finanziamento. Ogni impresa o rete di impresa che voglia richiedere il finanziamento deve presentare la domanda esclusivamente all’indirizzo di posta elettronica certificata di Fondimpresa.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattro × tre =