Impact Growth: training e finanziamenti alle start up

3,6 milioni di euro dalla Commissione Europea per le migliori start up

Redazione MondoPMI
0
0
finanziamenti alle start up

Dal 5 settembre l’acceleratore europeo Impact ha aperto le candidature per la seconda Open Call del programma Impact Growth: la Commissione Europea ha stanziato 3,6 milioni di euro equity free per concedere finanziamenti alle start up che si distingueranno a livello internazionale in determinati settori specifici.

Impact Growth si colloca all’interno dei Fiware, programmi che mettono a disposizione una piattaforma open source con funzionalità avanzate di cloud hosting per sviluppare e integrare applicazioni web. Tra le 1.900 candidate nella prima Open Call di febbraio, nessuna start up italiana è riuscita a raggiungere le prime postazioni nelle premiazioni di giugno. È quindi questa l’occasione per le nuove realtà italiane di rimettersi in gioco e cercare di ottenere finanziamenti per sviluppare un’idea innovativa e consolidare la propria attività.

Possono presentare la propria candidatura tutte le start up internazionali in fase di sviluppo aventi già lanciato un prodotto nel mercato: l’obiettivo del programma è individuare tra tutte le candidate quattro “super” start up in grado di distinguersi in tutto il mondo.

I settori selezionati su cui dovranno essere sviluppati i progetti sono:

  • Smart Cities & Infrastructure
  • Smart Content
  • Smart Manufacturing
  • Smart Agrifood

Durante i primi sei mesi di accelerazione, le start up potranno partecipare ad eventi dedicati, training camp e networking internazionali: verranno inoltre messi a disposizione dei mentor per supportare le aziende attraverso consulenze e corsi di formazione. Ogni categoria sarà guidata da società internazionali facenti parte del programma, offrendo le basi per eventuali partnership e collaborazioni: il settore Smart Cities & Infrastructure sarà seguito da Ferrovial, Smart Content da DOCOMO Digital, Smart Manufacturing da MADE (Lego) e Smart Agrifood da Danone. 

banner-tianticipo

Oltre a fornire training e mentoring sui temi business, tech e digital, il programma Impact Growth prevede di concedere finanziamenti alle start up che si contraddistingueranno nelle specifiche categorie tech: verranno infatti erogati 100.000 euro in conto capitale alle 14 idee più interessanti. Al termine dei sei mesi di accelerazione verranno poi premiati i due progetti migliori attraverso ulteriori contributi di 150.000 euro ciascuno. Infine, quattro aziende che si dimostreranno particolarmente brillanti e innovative, avranno l’opportunità di ricevere ulteriori finanziamenti fino ad un massimo di 1,5 milioni di euro da parte di due investitori istituzionali, Kibo Ventures e Accelerace. Oltre ai finanziamenti alle start up verranno programmati training intensivi condotti da esperti e imprenditori a livello internazionale, con corsi specifici in grandi città d’Europa.

Per poter presentare la propria candidatura è necessario accedere al sito di Impact Growth e compilare la domanda di partecipazione entro il 12 dicembre 2017.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

dieci − 10 =