Informativa aziendale: perché è importante per ottenere credito

Redazione MondoPMI
0
0
Bilancio_Aziendale_PMI

Quando parliamo di accesso al credito uno degli indicatori più importanti per dimostrare l’affidabilità di un’impresa è l’informativa aziendale.

Si tratta della comunicazione finanziaria dell’azienda, cioè quell’insieme di informazioni e di documenti razionalmente raccolti, validamente assemblati e quando necessario opportunamente trasmessi a chi ne ha interesse.

Le banche, per esempio, tendono ad intessere relazioni informative ed operative molto strette con le imprese, soprattutto con le PMI, questo per superare i problemi di assimmetria informativa e controllare il rischio.

La capacità dell’impresa di presentarsi al meglio verso un intermediario finanziario è sempre più determinante per ottenere credito.

La puntualità e la precisione vengono valutate dalla gestione dei principali documenti che riguardano l’attività aziendale: bilanci, dichiarazioni fiscali, fatture, visure, stato delle esposizioni bancarie.

I vantaggi di una corretta informativa aziendale sono molteplici.

  • L’aggiornamento e l’ordine della documentazione garantisce all’imprenditore una certa sicurezza, dimostrando il pieno controllo della propria azienda internamente ed esternamente.
  • Avere queste informazioni a portata di mano quando si richiede un finanziamento per l’impresa è un ottimo biglietto da visita, proprio perché questa documentazione è tra le prime cose che la banca (o altro soggetto finanziario) chiede.

Un’azienda che domanda un prestito presentando dati contabili non aggiornati o documenti mancanti si dimostra poco trasparente ma soprattutto poco affidabile, mettendo in difficoltà chi dovrà analizzare la richiesta.

La richiesta di credito alle imprese viene quindi supportata da una valida informativa aziendale, che garantisce un’analisi precisa della domanda ed una profilazione affidabile dell’azienda richiedente.

[callto]CERCHI CREDITO PER LA TUA IMPRESA? [/callto]

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattordici + dieci =