Nuova Sabatini: arriva il sistema di rating

Il valore di rating deriverà da tre parametri, basati sui dati dei bilanci degli ultimi due anni.

Redazione MondoPMI
0
0
nuova sabatini rating

Dal 14 giugno è in vigore il nuovo modello di valutazione dei finanziamenti della Nuova Sabatini, necessario per l’accesso al Fondo di Garanzia per le PMI.

Il nuovo sistema di rating prevede che l’ammissione al Fondo di Garanzia sia preceduta dallo studio sulla probabilità di inadempimento delle imprese.

La Nuova Sabatini è un regime di aiuto istituito dal decreto legge 69/2013, per agevolare l’accesso al credito delle PMI, e informazioni più approfondite possono essere trovate in questo articolo.

La nuova normativa, comunicata nella Gazzetta Ufficiale del 13 giugno 2017, modifica la lettera M della parte VI delle Disposizioni operative per l’accesso al Fondo di Garanzia. Ora è prevista l’applicazione di un modello di rating basato sui bilanci degli ultimi 2 anni, il quale attribuisce alle imprese una classe di valutazione basata su 3 parametri. Le classi di valutazione sono 5, dove la classe di rating 1 è quella con il tasso di rischio di default meno elevato e pari al massimo allo 0,12%, mentre la classe di rating 5 prevede un tasso di rischio di default superiore al 9,43%.

banner-tianticipo

I parametri di valutazione della nuova sabatini

I tre parametri utilizzati per valutare il tasso di rischio di default delle imprese devono essere compilati nel Portale Rating per le Imprese, e nel dettaglio sono:

  • parametro economico finanziario: dà una stima del profilo di rischio patrimoniale, economico e finanziario dell’impresa. Devono essere comunicati i dati dei bilanci approvati degli ultimi 2 anni oppure i prospetti contabili sui quali sono stati redatte le ultime 2 dichiarazioni fiscali;
  • parametro andamentale: dà una stima del profilo di rischio derivante dalla dinamica dei rapporti intrattenuti dall’impresa con le istituzioni finanziarie a livello sistemico. Devono essere comunicati i dati dei rischi a scadenza ed esposizione di cassa di accordato e utilizzato degli ultimi 6 mesi forniti dalla Centrale dei Rischi, e dei rischi relativi a contratti rateali, non rateali e carte del soggetto beneficiario finale forniti da i Credit Bureau, nel momento in cui questi siano gli stessi utilizzati dall’impresa per la propria valutazione del merito di credito;
  • presenza di atti ed eventi pregiudizievoli a carico del beneficiario del finanziamento e dei singoli soci.

L’assegnazione del rating avviene tramite l’analisi congiunta dei dati comunicati dei due parametri e dalla presenza si atti e eventi pregiudizievoli. I punteggi variano a seconda della forma giuridica dell’impresa, del regime di contabilità e del settore economico di appartenenza.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

  • R. Giorgio DI GIACOMO- VENEZIA

    Oggi il problema principale delle MICRO e PMI, è la gestione del loro assetto finanziario e le tecniche da attivare non sono sempre scontate, anche se ci sono le soluzioni.
    Su questo argomento andrebbe meglio sviluppato un confronto con approfondimenti, per rendere operativo un percorso veloce e pratico al quale possano accedere sia le MICRO, sia le PMI.

  • Flavio Marzi

    Ottima esposizione.
    Un tema di riflessione: prima del 2009, le banche offrivano la quasi totalità degli strumenti finanziari alle PMI.
    La crisi ha reso senz’altro più rischioso investire dei capitali in crediti alle PMI, ma credo che lo spazio sia ancora molto importante, in rapporto a quanto sia stato sottratto dal sistema bancario alle PMI stesse.
    Dobbiamo anche considerare che, le soglie della “bancabilità” di una PMI, si sono molto abbassate a causa dei notevoli problemi di liquidita interni al sistema bancario stesso e per gli effetti sulle riserve delle varie “Basilea”.
    Sull’argomento della rischiosità, nulla vieta ad un investitore di chiedere il rating (bancario o indipendente) della (o delle) PMI che intende finanziare e di richiedere forme, che possono essere anche non troppo costose, di verifica o certificazione dei bilanci e delle trimestrali.
    Anche limitarsi ad aziende che operino nell’area di residenza del finanziatore può essere una cautela opportuna.

  • Alice Borio

    Alberto, nel caso in cui un professionista anticipi ad un committente un importo per spese pubblicitarie volte a promuovere l’attività del committente, quindi, non c’è IVA, è corretto? Che dicitura bisogna inserire in fattura? E’ sufficiente “rimborso spese pubblicitarie” allegando la rispettiva fattura con il costo sostenuto? Grazie!