Digital Innovation Hub Lombardia: apripista per Industria 4.0

Il DIH lombardo è stato creato secondo il modello europeo come “one stop shop” e avrà il compito di velocizzare e di dare una visione strategica alle imprese.

Redazione MondoPMI
0
0
digital innovation hub lombardia

Il primo Digital Innovation Hub creato da Confindustria Lombardia si occuperà di tutti gli ambiti dell’impresa, sia dal punto di vista tecnologico, che della finanza e delle risorse umane.. Con l’attivazione dello sportello per la creazione del centro, la regione sarà apripista nazionale per il Piano Industria 4.0: il Digital Innovation Hub Lombardia sarà un centro di competenza per la diffusione del know-how digitale.

Il Digital Innovation Hub lombardia, creato secondo il modello europeo come “one stop shop”, avrà il compito di velocizzare e di dare una visione strategica mantenendo quelle che sono le peculiarità locali e regionali per valorizzarle.

Il presidente di Confindustria Lombardia Alberto Ribolla ha dichiarato: “la nascita del Digital Innovation Hub Lombardia sul modello europeo è l’ennesimo passo in avanti per la competitività del nostro settore manifatturiero e per l’intero sistema economico regionale, sempre più guida nazionale su questi temi. Il DIH regionale diventerà un punto di riferimento, un amico per le imprese, al fine di aiutarle a comprendere, orientarsi nella complessità del mercato e delle tecnologie, e attuare Industria 4.0”. “Il DIH creato da Confindustria Lombardia sarà un modello inclusivo, a disposizione quindi anche delle altre realtà extra confindustriali presenti sui territori, dalle categorie settoriali agli altri sistemi associativi”.

banner-tianticipo

GLI OBIETTIVI DEL DIGITAL innovation HUB lombardia

Gli obiettivi dell’Hub saranno:

  • migliorare la conoscenza e consapevolezza delle imprese riguardo le opportunità offerte dalla trasformazione digitale anche  in riferimento al Piano Nazionale Industria 4.0, alla strategia europea per la digitalizzazione dell’industria e al programma I4MS;
  • incoraggiare la domanda delle imprese ed enti con fini analoghi costruiti dai Soci di Confindustria Lombardia.

Per mezzo dei sensori  territoriali l’hub aiuterà le imprese servizi legate all’Industria 4.0, con particolare attenzione alle PMI a navigare attraverso il complesso mercato e alle tecnologie senza interessarsi a dimensioni e al settore d’appartenenza.

Il DIH creato da Confindustria Lombardia sarà a disposizione anche di tutte quelle realtà extra confindustriali inserite dei territori. Tra i servizi a disposizione sono presenti:

  • Assessment;
  • Tecnologie e Digital Transformation;
  • Capitale Umano 4.0;
  • accesso alla finanza per l’innovazione;
  • Consulenza strategica;
  • Cyber Security;
  • Intelligenza artificiale e Big Data;
  • Produzione 4.0;
  • Supply chain;
  • Go-to-market;
  • Infrastrutture materiali e  Infrastrutture immateriali.

Centrale sarà l’abilità del Digital Innovation Hub di iniziare partnership e fare da collante tra tutti i livelli: territoriale, nazionale e sovranazionale, con i maggiori protagonisti del settore .

I commenti rilasciati dalle associazioni già impegnate nella diffusione della cultura 4.0 sono stati positivi ed incoraggianti.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

  • R. Giorgio DI GIACOMO- VENEZIA

    Oggi il problema principale delle MICRO e PMI, è la gestione del loro assetto finanziario e le tecniche da attivare non sono sempre scontate, anche se ci sono le soluzioni.
    Su questo argomento andrebbe meglio sviluppato un confronto con approfondimenti, per rendere operativo un percorso veloce e pratico al quale possano accedere sia le MICRO, sia le PMI.

  • Flavio Marzi

    Ottima esposizione.
    Un tema di riflessione: prima del 2009, le banche offrivano la quasi totalità degli strumenti finanziari alle PMI.
    La crisi ha reso senz’altro più rischioso investire dei capitali in crediti alle PMI, ma credo che lo spazio sia ancora molto importante, in rapporto a quanto sia stato sottratto dal sistema bancario alle PMI stesse.
    Dobbiamo anche considerare che, le soglie della “bancabilità” di una PMI, si sono molto abbassate a causa dei notevoli problemi di liquidita interni al sistema bancario stesso e per gli effetti sulle riserve delle varie “Basilea”.
    Sull’argomento della rischiosità, nulla vieta ad un investitore di chiedere il rating (bancario o indipendente) della (o delle) PMI che intende finanziare e di richiedere forme, che possono essere anche non troppo costose, di verifica o certificazione dei bilanci e delle trimestrali.
    Anche limitarsi ad aziende che operino nell’area di residenza del finanziatore può essere una cautela opportuna.

  • Alice Borio

    Alberto, nel caso in cui un professionista anticipi ad un committente un importo per spese pubblicitarie volte a promuovere l’attività del committente, quindi, non c’è IVA, è corretto? Che dicitura bisogna inserire in fattura? E’ sufficiente “rimborso spese pubblicitarie” allegando la rispettiva fattura con il costo sostenuto? Grazie!