Internazionalizzazione delle PMI con la partnership Ice – Yoox

Un accordo tra Ice e Yoox per agevolare l'internazionalizzazione delle PMI in Cina e Stati Uniti

Redazione MondoPMI
0
0
Internazionalizzazione

Creare delle vetrine per le eccellenze italiane. Questo l’obiettivo dell’Ice, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, con un’iniziativa che coinvolgerà un centinaio di Piccole e Medie Imprese italiane dei settori moda e design.

Fondamentale in questo progetto l’accordo stretto con il portale Yoox-Net-A-Porter creato da Federico Marchetti e attivo in 180 Paesi. Il progetto, sui cui l’Ice ha puntato 3 milioni di euro, prende il nome di «Italian Hidden Gems» ed è favorito dal recente aumento del 45% delle risorse stanziate dal ministero dello Sviluppo e volte a potenziare le azioni di sviluppo degli e-commerce nella moda.

Iniziativa molto interessante in quanto, per la prima volta, lo Stato e le istituzioni si fanno promotori di crescita affidando però il progetto a professionisti del settore.

Il particolare, i Paesi selezionati in cui portare le imprese italiane tramite il commercio italiano sono Cina e Stati Uniti. In questi mercati, infatti, dove Yoox ha molta esperienza, solo nel mese di settembre si evidenzia, rispettivamente, una crescita del 25,4% e del 9% per l’export italiano.
L’iniziativa, quindi, prevede la creazione all’interno del sito Yoox di una piattaforma dedicata a valorizzare i cento marchi scelti che riguarderanno tutto il mondo fashion dall’abbigliamento alle calzature agli accessori.

TiAnticipo_Chaplin_banner_728x90

Grazie a questo percorso di internazionalizzazione, le imprese coinvolte avranno anche l’opportunità di apprendere competenze digital e trasferirle al proprio interno, così da poter affrontare meglio il commercio digitale.

Il percorso verso la digital transformation delle PMI italiane, infatti, è ancora lungo. Secondo le indagini del Bem Research si stima che solo il 6% del fatturato generato dalle PMI derivi da Internet, contro la media europea del 9%. Inoltre in Italia, solo un’impresa su dieci accetta ordini online contro il 27% tedesco.

Da evidenziare infine l’aspetto logistico del progetto che interesserà le imprese partecipanti e che verrà curato direttamente da Yoox. Le PMI coinvolte, infatti, manderanno i prodotti acquistati dai clienti cinesi e statunitensi direttamente all’hub italiano di Yoox che si occuperà poi delle spedizioni, superando così uno scoglio che nella normalità è spesso insormontabile per le piccole imprese.

Le selezioni per poter partecipare al progetto si chiuderanno entro la prima metà del 2018.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

15 − dodici =