PMI e Digital Transformation – obiettivi e risorse per il futuro

Redazione MondoPMI
0
0
digital_transformation

Una ricerca di Tag Innovation School ha sottoposto un questionario a 550 PMI Italiane riguardane la digital transformation, sui bisogni percepiti e sulle intenzioni strategiche in un orizzonte di 3 anni.

Ciò che appare chiaro è che per le PMI Italiane la digital transformation porterà dei vantaggi netti; le aree che vengono ritenute più probabile terreno di miglioramento sono la riduzione dei costi e l’aumento di produttività. Secondo ampie maggioranze (dal 74 all’ 80% degli intervistati), i miglioramenti verranno dall’automazione e dai servizi in cloud, che dovrebbero consentire anche di arricchire le relazioni con i clienti e di perfezionare l’organizzazione interna.

Su quali azioni concrete punteranno però le PMI italiane per ottenere questi risultati? Le aree d’azione sono principalmente tre:

banner-tianticipo

  • L’utilizzo dei Big Data, per il 39% del campione
  • Un rapporto stretto con le Startup, che influenzi mezzi, metodi e visione per il 39% del campione
  • Il potenziamento della vendita on line per il 37% del campione

Per operare in termini di digital transformation, però, le PMI sono consapevoli di avere bisogno di un’iniezione di nuove competenze e di abilità; le figure professionali più ricercate nei prossimi 3 anni saranno quindi tutte in ambito digitale, ed avranno profili sia operativi che manageriali. Tra le più rilevanti:

  • digital marketing specialist, per il 60% del campione
  • data analyst per il 50% del campione
  • digital officer per il 32% del campione
  • mobile developer, per il 31% del campione

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciotto − 7 =