PMI e digitale: come crescere più velocemente 

La tecnologia aiuterà le PMI a competere con le grandi aziende.

Redazione MondoPMI
0
0
PMI e digitale

Le PMI possono fare a meno del digitale? Assolutamente no.

Secondo un recente studio, promosso da SAP SE e realizzato da IDC, basato su in campione di 3.210 aziende distribuite in 11 diversi Paesi, le aziende di piccole e medie dimensioni che hanno aperto le porte alle moderne tecnologie digitali crescono in modo più rapido e riescono a competere anche con aziende di grandi dimensioni.

Dalla fotografia emerge che oltre il 39% delle PMI distribuite nel globo è aperta all’uso e al potenziamento di tecnologie digitali volte soprattutto a migliorare la qualità del lavoro entro i prossimi 5 anni: un dato decisamente incoraggiante e destinato a crescere viste le grandi opportunità offerte dal settore.

Osservando più da vicino il campione analizzato emerge che:

  • 1/3 delle PMI che nell’ultimo anno ha investito in tecnologie innovative ha registrato un aumento del fatturato del 10% nell’ultimo anno;
  • Le soluzioni più utilizzate sono i cosiddetti “software collaborativi” (50,6%), seguiti dalle soluzioni di CRM e di Business Analytics impiegate, rispettivamente, dal 38% e dal 37% delle azienda in esame;
  • Più della metà delle aziende coinvolte nella ricerca ( tra il 52,5% e il 60,2%) è riuscita, grazie all’adozione di tecnologie digitali, a migliorare e semplificare il flusso di lavoro.

Lo studio condotto da SAP SE e IDC ha messo in luce, tuttavia, anche un certo timore da parte delle aziende ubicate tra Nord America ed Asia nell’adottare, massicciamente, la tecnologia.

La trasformazione digitale, in un certo senso, spaventa ancora le aziende di piccole e medie dimensioni che temono di non essere in grado di “stare al passo con i tempi”. A spaventare molti imprenditori ( tra il 35% e il 45%) è, poi, la preoccupazione di dover fare troppo affidamento sui dati per prendere importanti decisioni riguardati il proprio business e di vedere limitata la propria libertà decisionale.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattro × due =