Premio Open Innovative: concorso per le PMI innovative

10.000 euro in palio per le imprese più innovative d’Italia

Redazione MondoPMI
0
0
concorso per le PMI innovative

Via al primo concorso per le PMI innovative iscritte all’apposita sezione del Registro delle Imprese: il Premio Open Innovative verrà assegnato al progetto che secondo la giuria risponderà a tutti i requisiti richiesti e saprà distinguersi maggiormente rispetto agli altri.

Con il patrocinio dell’APSTI (Associazione Parchi Scientifici e Tecnologici Italiani), il concorso ha lo scopo di mettere in evidenza gli sforzi che le piccole e medie imprese compiono ogni giorno per stare al passo con l’evoluzione tecnologica: sono sempre di più, infatti, le aziende che effettuano investimenti in innovazione e dotazione di nuovi strumenti per digitalizzare prodotti e processi produttivi. L’obiettivo è quindi quella di stimolare le imprese a continuare su questa direzione e valorizzare i loro traguardi mettendo in palio un riconoscimento concreto.

Inoltre, un concorso per le PMI innovative può rappresentare, oltre che una sfida e un’opportunità per le singole aziende, anche una spinta per lo sviluppo economico italiano.

Le PMI che vorranno partecipare al concorso dovranno prestare attenzione alle seguenti date e informazioni:

  • La presentazione della candidatura di un’azienda al concorso deve essere effettuata entro il 15 settembre 2017
  • La Giuria che valuterà i progetti verrà nominata il 30 settembre 2017 e sarà costituita da un presidente e da una serie di giurati che varia da 4 a 8
  • Le imprese avranno tempo fino al 7 ottobre 2017 per perfezionare la propria candidatura ed inviare la documentazione mancante
  • Dal 9 al 31 ottobre 2017, la Giuria valuterà le imprese candidate e decreterà le 6 imprese che maggiormente hanno saputo soddisfare i requisiti del concorso a seconda della categoria di appartenenza: saranno infatti selezionate due imprese per la categoria ricerca e tecnologia, due attualmente attive nei mercati europei e esteri e due PMI al femminile
  • La cerimonia ufficiale in cui verranno proclamate le tre aziende innovative vincitrici è programmata per il 16 novembre 2017

TiAnticipo_Chaplin_banner_728x90

La categoria delle PMI nei mercati europei e esteri presuppone che il 10% dei ricavi dell’azienda provengano effettivamente dall’estero: l’alternativa è dimostrare di aver intrapreso, anche se da poco, un processo di internazionalizzazione. Per presentare domanda nella categoria femminile al concorso per le PMI innovative, invece, è necessario che almeno il 50% del Consiglio di Amministrazione e del Capitale Sociale sia costituito da donne.

Il premio in palio per le tre aziende che riusciranno ad aggiudicarsi le prime postazioni sarà costituito da servizi del valore di 10.000 euro concessi dalla Bernoni Grant Thornton, società storica di consulenza fiscale: il premio potrà essere fruito entro un anno dall’assegnazione.

Oltre alle sei PMI più innovative, potranno essere premiate, anche altre aziende che presenteranno idee particolarmente rivoluzionarie.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 × quattro =