La produzione industriale cresce dello 0,5% a maggio 2017

I valori dell'indice PMI manifatturiero rimangono positivi grazie soprattutto alla domanda estera.

Redazione MondoPMI
0
0
produzione industriale cresce

Il Centro Studi Confindustria ha diffuso i dati sulla produzione industriale per il mese di maggio 2017: la produzione industriale cresce di 0,5% rispetto al mese precedente. L’attività aveva visto una riduzione durante i primi tre mesi del 2017 pari allo 0,3% congiunturale, mentre ha registrato un incremento nel trimestre successivo, con una variazione congiunturale acquisita positiva pari allo 0,6%.

Il mese di aprile 2017 aveva subito un calo del livello di produzione: l’indice destagionalizzato della produzione si era attestato su -0,4% rispetto al mese di marzo; nella media febbraio-aprile 2017 la produzione ha subito una riduzione dello 0,1% rispetto ai tre mesi precedenti.

LA PRODUZIONE INDUSTRIALE CRESCE: Le variazioni nel dettaglio:

L’indice destagionalizzato registrato nei singoli comparti ci mostra che la produzione industriale cresce nel comparto energetico:

  • +2,2% nel comparto dell’energia;
  • -1,6% per i beni strumentali;
  • -0,5% per i beni di consumo;
  • -0,4% per i beni intermedi.

Per quanto riguarda i settori dell’attività economica, i comparti che ad aprile 2017 la produzione industriale cresce di più in questi:

  • +11,8% per le attività estrattive;
  • +7,0% per industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori;
  • +2,4% per la fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria.

banner-tianticipo

I comparti che nello stesso periodo hanno registrato la performance peggiore sono stati:

  • -5,9% per i prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi;
  • -5,7% per la fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche;
  • -5,3% per la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati.

Il decremento della produzione potrebbe essere stato in parte dovuto agli effetti legati alle festività e al numero di giorni lavorativi, che sono stati 18 ad aprile 2017 contro i 20 di aprile 2016.

Anche per il mese di maggio 2017 rimangono positive le valutazioni dei direttori degli acquisti del manifatturiero, le quali risultano coerenti con il recupero dell’attività industriale. L’indice PMI manifatturiero ha registrato un valore pari a 55,1, mentre quello della produzione a 55,8: tali valori sono dovuti alla crescita del numero degli ordini, che sebbene inferiore al picco dell’indice avuto ad aprile, si è confermata robusta soprattutto in ragione della domanda estera.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

  • R. Giorgio DI GIACOMO- VENEZIA

    Oggi il problema principale delle MICRO e PMI, è la gestione del loro assetto finanziario e le tecniche da attivare non sono sempre scontate, anche se ci sono le soluzioni.
    Su questo argomento andrebbe meglio sviluppato un confronto con approfondimenti, per rendere operativo un percorso veloce e pratico al quale possano accedere sia le MICRO, sia le PMI.

  • Flavio Marzi

    Ottima esposizione.
    Un tema di riflessione: prima del 2009, le banche offrivano la quasi totalità degli strumenti finanziari alle PMI.
    La crisi ha reso senz’altro più rischioso investire dei capitali in crediti alle PMI, ma credo che lo spazio sia ancora molto importante, in rapporto a quanto sia stato sottratto dal sistema bancario alle PMI stesse.
    Dobbiamo anche considerare che, le soglie della “bancabilità” di una PMI, si sono molto abbassate a causa dei notevoli problemi di liquidita interni al sistema bancario stesso e per gli effetti sulle riserve delle varie “Basilea”.
    Sull’argomento della rischiosità, nulla vieta ad un investitore di chiedere il rating (bancario o indipendente) della (o delle) PMI che intende finanziare e di richiedere forme, che possono essere anche non troppo costose, di verifica o certificazione dei bilanci e delle trimestrali.
    Anche limitarsi ad aziende che operino nell’area di residenza del finanziatore può essere una cautela opportuna.

  • Alice Borio

    Alberto, nel caso in cui un professionista anticipi ad un committente un importo per spese pubblicitarie volte a promuovere l’attività del committente, quindi, non c’è IVA, è corretto? Che dicitura bisogna inserire in fattura? E’ sufficiente “rimborso spese pubblicitarie” allegando la rispettiva fattura con il costo sostenuto? Grazie!