Cassetto previdenziale Inps: cos’è e novità

Informazioni in tempo reale e comunicazioni bidirezionali per liberi professionisti.

Redazione MondoPMI
0
0
cassetto-previdenziale-inps

L’Inps ha messo a disposizione uno strumento on-line per tutti i contribuenti: il cassetto previdenziale.

COS’È IL CASSETTO PREVIDENZIALE

Il cassetto previdenziale è uno strumento che permette di avere accesso in tempo reale alle informazioni previdenziali di:
– cittadini;
– imprese;
– liberi professionisti;
– artigiani;
– tutti i soggetti iscritti alla gestione previdenziale Inps.

Questo cassetto permette di accedere a diverse tipologie di servizi quali:
– monitoraggio dei dati relativi al proprio trattamento pensionistico;
– accesso alla dichiarazione dei redditi precompilata per eventuali modifiche;
– consultazione della propria situazione assicurativa;
– invio di domande telematiche;
– estratto conto;
– riduzione delle sanzioni civili;
– ricorsi e rimborsi;
– istanze di rateizzazione.

banner-tianticipo

Per poter accedere a questo cassetto, è necessario essere in possesso di codice fiscale e Pin Inps che può essere richiesto direttamente on-line nell’apposita sezione del sito web. Il cassetto previdenziale dedicato ai liberi professionisti, oltre che tramite codice fiscale e Pin, è accessibile anche mediante la Carta Nazionale dei servizi (CNS) o con una identità SPID.
Questa soluzione ha principalmente due vantaggi: da un lato permette una consultazione rapida e veloce, in tempo reale, dall’altro permette di inviare direttamente on-line domande relative a servizi quali ISEE, pensioni, pagamenti di indennità, assegni familiari e altro ancora.

LE NOVITA’ PER I LIBERI PROFESSIONISTI

Dal 30 giugno 2016 è stata introdotta una nuova voce di menù dal nome “Comunicazione bidirezionale” che consente di inviare comunicazioni e seguirne poi l’iter. Per poter usufruire di questo servizio è però indispensabile essere in possesso di una PEC, altrimenti non è possibile accedervi.
All’interno di questa voce sarà poi presente un sottomenù così suddiviso:

  • Nuova Comunicazione” che permette l’invio di nuove comunicazioni relative a varie tipologie di argomenti. Tutte le comunicazioni inviate possono poi essere visualizzate nell’apposita sezione “Lista comunicazioni inviate”;
  • Lista comunicazioni inviate” che riassume tutte le comunicazioni inviate all’Inps;
  • Lista comunicazioni ricevute” che riassume tutte le comunicazioni ricevute dall’Inps;
  • Contatti” che permette di raggruppare tutti i dati utilizzati per la comunicazione bidirezionale.

 

Image Credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

9 + tredici =