Contabilità: la chiave della tua attività

Laura Costabile
0
0
contabilita

Se un’azienda fosse rappresentata come un tempio, la contabilità e la fatturazione sarebbero sicuramente due colonne portanti.
Questa parte della gestione aziendale viene molte volte considerata come obbligatoria, noiosa e oscura e si tendendo a tralasciarne l’importanza e il ruolo cardine che riveste.
Perchè è importante tenere sotto controllo la contabilità? Scopriamolo insieme.
Tenere in ordine la contabilità non è solo una questione di obbligo verso le autorità ma un vero e proprio asso nella manica e bussola per il presente e il futuro della propria attività.
La contabilità, infatti, è uno strumento fondamentale perchè permette di:

  • eliminare qualsiasi ambiguità su entrate e uscite grazia alla riconciliazione bancaria che fa sì che le  transazioni vengono abbinate alle relative fatture o spese;
  • allegare la documentazione relativa agli acquisti tenendoli così sempre in ordine e registrandoli;
  •  definire gli importi da versare oppure da ricevere per le transazioni avvenute grazie al rapporto IVA;
  • determinare, attraverso il conto economico, l’impatto e la natura di entrate e uscite e il risultante guadagno o perdita;
  • fornire, grazie allo stato patrimoniale, una fotografia delle risorse disponibili in un determinato momento.

Si tratta, insomma, di informazioni fondamentali senza le quali è impensabile prendere delle decisioni consapevoli per il presente e futuro della propria azienda. Una contabilità organizzata è davvero il segreto.
Una corretta gestione dei dati può avvenire solo se questi sono annotati in modo puntuale e opportunamente conservati e organizzati.
Per fare questo, e rendere il tutto automatico, è opportuno impostare la procedura su base giornaliera (idealmente nel momento in cui le operazioni si registrano) ed evitare di rimandare tutto ad una lunga nottata insonne a fine mese.
In questo senso un programma di fatturazione disponibile anche su dispositivi mobili può essere un grande alleato.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Laura Costabile

Laura Costabile

Laura ha 23 anni e vive a Copenhagen in Danimarca. Originaria del sud Italia, dopo essersi diplomata al liceo classico si è trasferita a Milano dove ha completato la laurea triennale in International Economics Management e Finance. Da 3 anni è a Copenaghen dove ha frequentato la specialistica in International Business e lavora per Debitoor come assistente marketing e comunicazione per l’Italia.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tre × 3 =