Quanto costa aprire una Srl?

Costituzione e gestione: ecco quanto andrete a spendere.

Alberto Liviero
0
1
costi-apertura-srl

La scelta di intraprendere un’attività di impresa in forma societaria a responsabilità limitata – Srl – ha dei riflessi in termini contabili, fiscali ed amministrativi più complessi rispetto ad una società di persone (società in nome collettivo o società in accomandita semplice). In particolare, dal punto di vista economico, ci sono delle differenze relative ai costi da sostenere per la costituzione e la gestione di una srl. Vediamoli insieme:

COSTI DI COSTITUZIONE

NOTAIO: la costituzione di una srl avviene per atto pubblico redatto dal Notaio, il cui compenso, che rappresenta senz’altro una componente economica importante, può variare sulla base di diversi fattori. Per effetto dell’Investment Compact, a partire da luglio 2016, è possibile costituire una START-UP INNOVATIVA mediante un modello standard tipizzato con firma digitale, bypassando, di fatto, la figura del notaio.

CAMERA DI COMMERCIO: l’iscrizione presso il Registro delle Imprese tenuto presso la Camera di Commercio, comporta un costo di € 155,00 suddiviso tra imposta di bollo e diritti di segreteria. È inoltre previsto il diritto annuale, obbligatorio per tutti i soggetti iscritti al registro imprese. Per il 2016 l’importo per le srl è di 120€, ma può aumentare in base al fatturato sviluppato. A partire dal 2017 l’importo subirà una riduzione pari al 50% di quanto stabilito nel D.I. 21.04.2011 (€ 200,00).

VIDIMAZIONE E BOLLATURA DEI LIBRI E REGISTRI: per la numerazione e bollatura dei libri e registri della società è dovuta la tassa di concessione governativa, pari ad €. 309,87, se il capitale sociale non supera l’importo di €. 516.456,90, ovvero €. 516,46 se il capitale supera l’importo di €. 516.456,90. I diritti di segreteria ammontano, in genere, ad € 25,00 per ogni libro o registro, mentre l’imposta di bollo è dovuta nella misura di € 16 ogni 100 pagine. Anche se alcuni libri/registri non sono soggetti alla vidimazione, per la messa in uso è comunque dovuta l’imposta di bollo.

CAPITALE SOCIALE: per le srl il capitale sociale minimo, a norma dell’articolo 2463 del c.c., ammonta ad € 10.000. Il Dl 76/2013, ha abolito l’obbligo, all’atto della costituzione, di versare la quota pari ad almeno il 25% del capitale sottoscritto, se srl con capitale inferiore a 10.000€, dovendo quindi versare l’intero capitale sottoscritto, così come previsto per la srl unipersonale.

PEC: per effetto del D.L. 185/2008 ogni società deve essere dotata di un indirizzo di posta elettronica certificata, il cui costo minimo è di €. 5,00 ma, a seconda dei servizi richiesti, il costo potrebbe lievitare di qualche decina di euro.

COSTI DI GESTIONE

È bene tener presente che la società è soggetta a dei costi fissi da sostenere ogni anno. Oltre alla tassa di concessione governativa, al diritto annuale ed alla pec, bisogna aggiungere anche € 127,70 per il deposito del bilancio d’esercizio. Per quanto riguarda il profilo fiscale la società è soggetta all’IRES che si applica nella misura del 27,5% del reddito imponibile prodotto. Dal 1 gennaio 2017 l’aliquota IRES scenderà al 24%. Resta invariata invece l’IRAP, la cui aliquota è del 3,9%, con facoltà da parte delle Regioni di variare la stessa entro il limite dello 0,92%.

SRL SEMPLIFICATE

La Srl semplificata, conosciuta anche come la “Srl ad 1 Euro”, è quella particolare forma di società di capitali che può essere costituita con un capitale inferiore ai € 10.000. Per la costituzione non sono dovuti i diritti camerali, l’imposta di bollo (limitatamente per l’iscrizione nel Registro delle Imprese) ed il compenso al notaio. Semplificata quindi solo per quanto riguarda la costituzione, per il resto segue le stesse regole di una Srl ordinaria, anche dal punto di vista del carico fiscale.

Image Credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Alberto Liviero

Alberto Liviero

Dottore Commercialista, iscritto all’ODCEC di Rovigo. Formazione di stampo giuridico-economica, con un occhio di riguardo all'innovazione ed alle nuove tecnologie.

Ultimi post su Twitter

  • R. Giorgio DI GIACOMO- VENEZIA

    Oggi il problema principale delle MICRO e PMI, è la gestione del loro assetto finanziario e le tecniche da attivare non sono sempre scontate, anche se ci sono le soluzioni.
    Su questo argomento andrebbe meglio sviluppato un confronto con approfondimenti, per rendere operativo un percorso veloce e pratico al quale possano accedere sia le MICRO, sia le PMI.

  • Flavio Marzi

    Ottima esposizione.
    Un tema di riflessione: prima del 2009, le banche offrivano la quasi totalità degli strumenti finanziari alle PMI.
    La crisi ha reso senz’altro più rischioso investire dei capitali in crediti alle PMI, ma credo che lo spazio sia ancora molto importante, in rapporto a quanto sia stato sottratto dal sistema bancario alle PMI stesse.
    Dobbiamo anche considerare che, le soglie della “bancabilità” di una PMI, si sono molto abbassate a causa dei notevoli problemi di liquidita interni al sistema bancario stesso e per gli effetti sulle riserve delle varie “Basilea”.
    Sull’argomento della rischiosità, nulla vieta ad un investitore di chiedere il rating (bancario o indipendente) della (o delle) PMI che intende finanziare e di richiedere forme, che possono essere anche non troppo costose, di verifica o certificazione dei bilanci e delle trimestrali.
    Anche limitarsi ad aziende che operino nell’area di residenza del finanziatore può essere una cautela opportuna.

  • Alice Borio

    Alberto, nel caso in cui un professionista anticipi ad un committente un importo per spese pubblicitarie volte a promuovere l’attività del committente, quindi, non c’è IVA, è corretto? Che dicitura bisogna inserire in fattura? E’ sufficiente “rimborso spese pubblicitarie” allegando la rispettiva fattura con il costo sostenuto? Grazie!