“Test PMI”: valutazione impatti normativi in Friuli

Giunta regionale e imprese verificheranno in anticipo gli effetti delle norme in approvazione.

Redazione MondoPMI
0
0
test-pmi

Un test preliminare per valutare gli impatti che nuove leggi e regolamenti hanno sulla piccola imprenditoria. Questo in sostanza è l’obiettivo del “Test PMI” introdotto dalla delibera della Giunta Regionale su proposta degli assessori alle Attività Produttive e alle Autonomie locali.

Un sistema organizzativo che viene adottato nell’ottica della semplificazione burocratica e che viene incontro alle esigenze delle PMI friulane. “Test PMI” sarà introdotto gradualmente dagli organismi regionali per sciogliere in via preliminare difficoltà, oneri e elementi di svantaggio che regolamenti e atti legislativi possono causare alla imprese, riducendo a monte l’impatto che la burocrazia esercita su tempi e costi amministrativi.

La valutazione dell’impatto delle norme sulle piccole realtà imprenditoriali verrà applicato sia per le leggi già esistenti in maniera retroattiva, sia per quelle che verranno introdotte in futuro con lo scopo di riuscire a modificarle durante il loro iter consigliare. L’applicazione graduale della norma permetterà alle imprese di avviare un confronto con l’amministrazione regionale per avanzare delle proposte in funzione del miglioramento del Test.

Questa soluzione prosegue il percorso intrapreso dalla Regione Friuli nel 2014, in adeguamento alle norme europee a sostegno dell’imprenditorialità introdotte dallo Small Business Act (SBA) che pensa ad un nuovo modo di legiferare, partendo dal piccolo, intercettando in prima battuta le esigenze delle PMI.

“Test PMI” sarà operativo su direttiva regionale in stretta collaborazione con le Autonomie locali, e sarà gradualmente introdotto anche nei regolamenti comunali, per riuscire a rendere omogenea la semplificazione amministrativa a tutti i livelli.

Image Credit: Shutterstock

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tredici − 2 =