Alba si prepara ad accogliere la Fiera del Tartufo Bianco

Redazione MondoPMI
0
0
tartufo alba

E dopo il riconoscimento, da parte dell’Unesco, dei paesaggi vitivinicoli di Langhe, Roero e Monferrato quali Patrimonio Mondiale, il Piemonte si prepara ad accogliere la Fiera del Tartufo Bianco d’Alba.

La manifestazione internazionale, giunta ormai alla sua ottantaquattresima edizione, contribuisce notevolmente alla valorizzazione del territorio e delle PMI locali che lavorano lungo tutta la filiera di produzione e commercializzazione del tartufo di Alba.

Si svolgerà dall’11 ottobre al 16 novembre per offrire ai visitatori l’immagine di una regione produttiva che oltre al panorama regala esperienze da vivere, richiamando ogni anno un pubblico numeroso.

Il cuore della manifestazione sarà il Cortile della Maddalena, nel quale si incontreranno commercianti e cercatori, il mercato dove si potrà annusare, vedere e conoscere questo prodotto tipico stimato in tutto il mondo.

Lo spazio ospiterà inoltre la Rassegna enogastronomica AlbaQualità, che metterà in mostra le eccellenze enogastronomiche della zona.

Non mancheranno show cooking e chef stellati che il sabato e la domenica per l’intera durata dell’evento si esibiranno creando piatti a base di tartufo ai quali abbineranno i vini del territorio, degustazioni e laboratori di cucina dedicati ai bambini.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 + sei =