Indice PMI: torna a crescere la manifattura

I risultati di settembre sono migliori delle attese.

Redazione MondoPMI
0
0
produzione-industriale-maggio

Il settore manifatturiero in Italia cresce, in maniera timida e lieve, ma comunque facendo registrare numeri positivi. È quello che emerge dal report Markit PMI® Settore Manifatturiero in Italia relativi al mese di settembre 2016, secondo cui l’attività della manifattura di casa nostra è tornata ad espandersi dopo un mese di agosto in contrazione, per la prima volta in un anno e mezzo.

I dati di settembre, infatti, registrano un indice in crescita a 51,0 rispetto al 49,8 di agosto, con risultati migliori rispetto a quelli che prevedevano gli economisti. Gli esperti, in atti, prevedevano un aumento a 50,3, appena oltre la soglia dei 50 punti che separa la crescita dalla contrazione.

Segnali di recupero sono stati registrati anche per quanto riguarda gli indici relativi agli ordini, alla produzione e all’occupazione. La crescita dei nuovi ordini a 51,5 dal 48,8 del mese di agosto è perlopiù trascinata dalle esportazioni ed è, inoltre, uno dei fattori a cui gli analisti attribuiscono la crescita dell’indice PMI per il mese di settembre. Sono cresciuti, poi, anche i dati relativi ai livelli di produzione.

Secondo Phil Smith, Economista presso IHS Markit “Settembre è stato un mese migliore per le aziende manifatturiere italiane. Gli incrementi dei nuovi ordini capitanati dalle esportazioni hanno stimolato un po’ di più la produzione e la creazione di posti lavoro.”

Allo stesso tempo, però, Smith frena l’entusiasmo sottolineando che i risultati del terzo trimestre, nell’insieme, hanno fatto registrare il valore più basso dall’inizio del 2015.

Staremo a vedere quali saranno i dati per i mesi a venire e quali saranno le prospettive per la chiusura del 2016.

Image Credit: shutterstock

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 + tre =