Industria cosmetica: il successo dell’export

Fiore all'occhiello del Made in Italy, copre il 60% della produzione mondiale.

Redazione MondoPMI
0
0
industria-cosmetica

Si è chiusa da pochi giorni la manifestazione fieristica Cosmoprof, giunta alla 49esima edizione, l’evento leader nel panorama mondiale che mette in mostra il meglio dell’industria cosmetica italiana e internazionale. L’edizione 2016 ha riscosso un notevole successo di pubblico con 250mila visitatori e più di 2500 aziende espositrici (+5% rispetto al 2015). I buoni risultati della fiera, sottolineati anche dal Ministero dello Sviluppo Economico, vanno a braccetto con le ottime performance che il settore ha evidenziato nell’ultimo anno: il Centro Studi di Cosmetica Italiana, infatti, ha rilevato come l’industria della cosmesi sia cresciuta del +2,2% nel 2015. Un successo trainato in particolare dalle esportazioni, che hanno registrato nell’ultimo anno un incremento del +14,3% rispetto al 2014.

Il make-up italiano copre ben il 60% della produzione mondiale e ha un valore produttivo di 14 miliardi di euro. Tra i maggiori Paesi importatori ci sono Francia (213 milioni di euro), Germania (181 milioni) e Stati Uniti (141 milioni). Un comparto che si conferma simbolo dell’eccellenza del Made in Italy, attualmente conta su 35mila addetti impiegati, che arrivano fino a 200mila se si calcola l’indotto, di cui ben il 54% è rappresentato da donne.

Dallo studio è emersa, inoltre, un’attenzione sempre maggiore da parte del consumatore verso i prodotti naturali, registrata dal buon andamento delle erboristerie, il cui giro d’affari è aumentato del +4,9% nello scorso anno.

I buoni risultati emersi, dunque, fanno ben sperare in una concreta e stabile ripresa nei prossimi anni. Parte del merito è attribuibile alla strategia innovativa che le aziende hanno messo in atto in questi anni sul panorama digitale, per cogliere i nuovi trend, avvicinare i consumatori e studiare le necessità del mercato.

Image Credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

20 − 12 =