Interscambio tra l’artigianato di Vicenza e il Perù

Redazione MondoPMI
0
0
firenze 18.05.08: artigianato e palazzo 2008foto guido mannucci

L’Italia e il Perù sono due Paesi agli antipodi, per cultura e posizione geografica, che però sono accomunati da una passione che si esprime con forza in entrambe le realtà economiche: l’artigianato.

Proprio per questo motivo a Vicenza si inizia a profilare un progetto di cooperazione e interscambio promosso da Confartigianato Vicenza.

Uno scambio economico commerciale tra il Perù e la provincia di Vicenza, che può rappresentare una grossa opportunità per entrambi in quanto sia l’area veneta che il Paese andino risultano caratterizzati da una rilevante specializzazione artigianale.

Vicenza ha avviato un processo di penetrazione del mercato del Perù già nel 2013, diventando nel giro di breve tempo il secondo polo per esportazioni manifatturiere verso il paese sudamericano dopo Milano, mentre il Perù vanta anche una delle economie più dinamiche dell’America Latina: il PIL si è innalzato dell’89% dal 2003 ad oggi, superando nettamente la media dei Paesi latinoamericani cresciuti del 49,9%.

Con i suoi 250 mila artigiani, poi, il Perù possiede una lunga e importante tradizione a livello sia nazionale che internazionale, che necessita però di essere stimolata e rafforzata. In particolare, è uno dei più importanti paesi a livello mondiale nell’industria dell’oro, da sempre molto sviluppata anche a Vicenza dove Piccole Medie Imprese del settore e botteghe artigiane stanno però faticando a trovare uno spiraglio per uscire dalla crisi.

Si prospetta dunque un’alleanza strategica tra le maestranze, basata sullo scambio delle conoscenze e dei saperi artigiani: i giovani peruviani potrebbero venire a formarsi nel Belpaese mentre gli artigiani italiani potrebbero andare in Perù ad apprendere le tecniche di lavorazione degli artigiani locali.

Una collaborazione che interesserebbe i settori dell’oreficeria, della ceramica e del vetro, che consentirebbe di trovare spazi di mercato per esportatori italiani.

[callto]CERCHI CREDITO PER LA TUA AZIENDA?[/callto]

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

due × cinque =