La crescita si fa in digitale: inaugurato a Napoli il nuovo LED

Redazione MondoPMI
0
0
Digitali per crescere

Dopo Torino, Microsoft Italia ha scelto Napoli per fare da apripista alle altre città italiane che saranno coinvolte nel nuovo progetto per la digitalizzazione del Paese “Digitali per crescere”.

Proprio in questo ambito si colloca il Laboratorio di Esperienza Digitale (LED) , inaugurato lo scorso 31 ottobre presso la CSFI della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base. Il LED fungerà da punto di incontro fisico tra i diversi attori sociali che operano sul territorio campano.

Il progetto, sviluppato in collaborazione con l’Università di Napoli Federico II, è rivolto a circa un milione di PMI e a 200.000 giovani con l’obiettivo di dare nuovo impulso all’occupazione e alla crescita sfruttando le opportunità rese possibili dalle nuove tecnologie.

Durante il primo anno verranno portati avanti progetti in ben tredici Regioni d’Italia e la Campania farà da apripista all’iniziativa. Attraverso il portale digitalipercrescere.it giovani e Piccole Medie Imprese potranno confrontarsi tra loro, ricevere assistenza da esperti e aziende partner di Microsoft e utilizzare innovativi strumenti quali programmi di formazione in rete e il check-up digitale della propria attività che verifica il grado di digitalizzazione raggiunto in azienda.

“Digitali per crescere” si pone come obiettivo la riduzione del divario digitale oggi esistente attraverso la collaborazione di diversi soggetti pubblici e privati che possano offrire formazione gratuita e al contempo iniziare un percorso di rinascita basato sull’innovazione permessa dalle nuove tecnologie, su tutte il Cloud. Proprio il Cloud Computing, inteso come insieme di tecnologie che permettono con servizi on demand di memorizzare, archiviare, scambiare ed elaborare dati attraverso l’utilizzo di software distribuiti e fruibili in rete, si potranno innescare processi di crescita collaborativa tra le PMI che decideranno di far parte del progetto.

All’interno del LED si terranno seminari, training formativi in aule virtuali, incontri e tanto altro ancora allo scopo di informare e far partire percorsi innovativi per i professionisti del territorio che grazie ai partner Microsoft selezionati riceveranno supporto e consulenza.

Il Laboratorio sarà soprattutto a disposizione degli studenti universitari che riceveranno una formazione specifica in ambito IT, troveranno opportunità di crescita professionale e programmi di incentivo all’imprenditorialità giovanile.  La speranza è che quanto appreso venga, in un futuro non troppo lontano, messo a disposizione proprio alle imprese del territorio che mai come in questo momento di crisi economica hanno necessità di innovarsi e crescere.

Dopo Napoli e Torino, il LED si diffonderà in tante altre Università italiane e si terranno eventi di formazione a Torino, Milano, Padova, Roma e nelle maggiori città. Questa iniziativa è patrocinata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dal Ministero dello Sviluppo Economico e vuol far collaborare tra loro soggetti pubblici e privati al servizio delle PMI e dei giovani per favorire percorsi di innovazione.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tre × quattro =