Ceramica italiana: tornano i livelli pre crisi.

Gli investimenti hanno raggiunto i 400,4 milioni di Euro, anche grazie all’effetto degli incentivi fiscali derivanti a Fabbrica 4.0.

Redazione MondoPMI
0
0
settore-ceramica-italiana

Il settore della ceramica italiana registra una performance positiva nel 2016, ritornando ai livelli pre crisi del 2008, che ha visto una crescita sia del mercato interno che internazionale. Il fatturato è stato pari a 6,2 miliardi di Euro, in crescita del 6% rispetto al 2015. Gli investimenti nell’industria della ceramica italiana hanno raggiunto i 400,4 milioni di Euro, con un incremento del 14% sul 2015, anche grazie all’effetto degli incentivi fiscali derivanti a Fabbrica 4.0, sui quali le imprese del settore si stanno già impegnando.

Vittorio  Borelli,  presidente  di  Confindustria Ceramica, commenta: “Il settore della ceramica consolida la propria struttura settoriale in un quadro di forti investimenti in nuove tecnologie, per mantenere la leadership mondiale in un contesto positivo, anche se sempre più competitivo e concorrenziale”.

banner-tianticipo

Il settore della ceramica italiana nel dettaglio

Il settore della ceramica si compone di diversi comparti:

  • il comparto delle piastrelle in ceramica, che occupa quasi 19.000 addetti, nel 2016 ha prodotto 416 milioni di metri quadrati di piastrelle, il 5,4% in più rispetto al 2015. Le vendite hanno visto un’inversione positiva di tendenza, registrando un fatturato di 5,4 miliardi di Euro (+5,9% sul 2015), di cui 4,6 miliardi relativi alle esportazioni, in crescita del 6,2%. Il mercato italiano delle costruzioni ha ottenuto buoni risultati nel corso del 2016 e questo ha comportato anche un effetto positivo sulle vendite di piastrelle di ceramica, anche grazie all’estensione delle agevolazioni fiscali al Sisma Bonus ed ai condomini;
  • il comparto della ceramica sanitaria, ha realizzato nel periodo la produzione di oltre 4 milioni di pezzi, generando ricavi per 332,9 milioni di Euro, di cui 149,8 relativi a esportazioni;
  • il comparo dei materiali refrattari, ha visto la produzione di 399.300 tonnellate e un fatturato di 395,6 milioni di Euro, in aumento del 4,3% rispetto all’esercizio precedente;
  • il comparto delle stoviglie in ceramica, ha prodotto 11.900 tonnellate di articoli, di cui il 75% destinate al mercato domestico, con un fatturato pari a 47,9 milioni di Euro.

In conclusione, Vittorio Borrelli commenta: “la competitività del futuro passa attraverso le giovani generazioni. Centrale in tal senso è l’attività di formazione realizzata dall’Associazione assieme ad otto Istituti Superiori della Provincia di Modena ed ai consolidati rapporti con diverse facoltà di Architettura, Ingegneria e Scuole di Design in Italia”.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

  • R. Giorgio DI GIACOMO- VENEZIA

    Oggi il problema principale delle MICRO e PMI, è la gestione del loro assetto finanziario e le tecniche da attivare non sono sempre scontate, anche se ci sono le soluzioni.
    Su questo argomento andrebbe meglio sviluppato un confronto con approfondimenti, per rendere operativo un percorso veloce e pratico al quale possano accedere sia le MICRO, sia le PMI.

  • Flavio Marzi

    Ottima esposizione.
    Un tema di riflessione: prima del 2009, le banche offrivano la quasi totalità degli strumenti finanziari alle PMI.
    La crisi ha reso senz’altro più rischioso investire dei capitali in crediti alle PMI, ma credo che lo spazio sia ancora molto importante, in rapporto a quanto sia stato sottratto dal sistema bancario alle PMI stesse.
    Dobbiamo anche considerare che, le soglie della “bancabilità” di una PMI, si sono molto abbassate a causa dei notevoli problemi di liquidita interni al sistema bancario stesso e per gli effetti sulle riserve delle varie “Basilea”.
    Sull’argomento della rischiosità, nulla vieta ad un investitore di chiedere il rating (bancario o indipendente) della (o delle) PMI che intende finanziare e di richiedere forme, che possono essere anche non troppo costose, di verifica o certificazione dei bilanci e delle trimestrali.
    Anche limitarsi ad aziende che operino nell’area di residenza del finanziatore può essere una cautela opportuna.

  • Alice Borio

    Alberto, nel caso in cui un professionista anticipi ad un committente un importo per spese pubblicitarie volte a promuovere l’attività del committente, quindi, non c’è IVA, è corretto? Che dicitura bisogna inserire in fattura? E’ sufficiente “rimborso spese pubblicitarie” allegando la rispettiva fattura con il costo sostenuto? Grazie!