Risultati in crescita per le PMI della meccanica

L'osservatorio MECSPE ha monitorato e analizzato le PMI attive nel comparto della meccanica.

Redazione MondoPMI
0
0
meccanica-subfornitura

Il settore della meccanica e della subfornitura nel 2016 ha avuto risultati positivi e prevede il mantenimento di questo trend di sviluppo anche per l’esercizio 2017. La crescita interessa anche le imprese di piccole e medie dimensioni, per le quali il fatturato 2016 potrebbe avere subito un aumento anche oltre il 4% rispetto all’esercizio precedente. A stabilirlo è un’indagine condotta da SENAF, ente che si occupa dell’organizzazione di eventi e fieri legate alla meccanica specializzata, all’impiantistica e alla logistica, attraverso l’osservatorio MECSPE che ha monitorato e analizzato le PMI attive nel comparto della meccanica, fondamentale per dotare di tutti gli strumenti necessari i comparti industriali di produzione di beni.

Secondo quanto emerso dallo studio, il 49% delle imprese attive nel settore hanno avuto in incremento del fatturato rispetto al precedente esercizio, mentre il 47% delle aziende ha incrementato il proprio organico. Nel 44% dei casi invece il dimensionamento del personale dipendente non è variato rispetto all’anno precedente.

A confermare i dati positivi anche il contributo degli imprenditori intervistati nel corso dello studio, i quali hanno definito il mercato di rifermento come “tornato ad essere solido”. Circa il 60% degli imprenditori ha dichiarato di essere appagato dalla situazione attuale, a differenza del 5% degli intervistati che non si ritiene soddisfatto.

banner-tianticipo

LE PREVISIONI PER IL 2017

Per quanto riguarda invece le previsioni per il futuro, il 2017 vedrà un’ulteriore crescita del fatturato per il 57% degli imprenditori che hanno partecipato all’indagine. Relativamente al dimensionamento dell’organico, il 50% delle imprese non varierà il numero di addetti, mentre il 46% prevede un aumento del personale.

I risultati riscontrati evidenziano un trend positivo soprattutto dal punto di vista dell’industria 4.0. Dall’indagine è infatti emerso che:

  • il 21% delle PMI di meccanica e subfornitura hanno scelto soluzioni collegate alla robotica;
  • il 30% relative alla sicurezza informatica;
  • il 17% in ambito di cluod computing.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 + quattordici =