Il settore del mobile in Veneto è il primo sul territorio nazionale

Molto bene la percentuale di esportazioni per la regione del nord Italia

Redazione MondoPMI
0
0
settore del mobile in Veneto

Il settore del mobile in Veneto risulta essere il più vivace sul territorio italiano. A dare una panoramica generale della situazione è stato l’incontro tra gli imprenditori e il presidente di FederlegnoArredo, Emanuele Orsini. La regione che copre il 25% della produzione italiana di mobili conta più di 8mila imprese nella rete arredo-legno-illuminazione. É inoltre la prima regione italiana nel mobile anche per numero di addetti (49.364 unità). Il fatturato annuo sviluppato nel settore manifatturiero corrisponde a circa 6,5miliardi di euro, di cui il 6% è realizzato dal settore in questione.

Il totale delle imprese appartenenti alla regione, che per la precisione consta in un numero di 7.935 attività, è suddiviso in tre diverse aree nel seguente modo:

  • Settore arredamento con un 49%.
  • Settore del legno con un 45%.
  • Settore dell’illuminazione con un 6%.

TiAnticipo_Chaplin_banner_728x90

Quali le tendenze relative al settore del mobile in Veneto?

In Veneto è grande la tendenza all’export, il 58% della produzione di arredi viene infatti venduta in 180 paesi in tutto il mondo. La suddivisione vede al primo posto la Germania, che si accaparra la fetta più sostanziosa, ben il 35% sull’export totale italiano. A seguire gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Francia.

Secondo Orsini sono diversi e sempre più numerosi i segni positivi. Stando ai dati raccolti ben il 70% delle aziende investe il 2% del fatturato in processi produttivi innovativi e in tecnologie più  all’avanguardia. Una percentuale che può dare l’impressione di non essere così elevata ma che comprende invece molte realtà che contribuiscono al proprio rinnovo rispettando tutte le normative per restare al passo con i tempi.

Secondo FederlegnoArredo, dai dati sul fabbisogno occupazionale nel settore del Mobile è emerso che il 79% delle imprese presenti nel territorio veneto intende assumere nuovo personale nei prossimi 2 anni, prevalentemente per aumentare l’organico attualmente presente in azienda.

Come favorire le imprese del settore del mobile in Veneto?

Per favorire la crescita delle imprese del settore FederlegnoArredo rafforzerà la propria presenza in chiave locale intensificando i rapporti con le organizzazioni e le istituzioni statali e non.

Inoltre emerge una forte domanda di formazione, poiché spesso la carenza di personale qualificato è un fenomeno pressante. A tal proposito si è quindi pensato alla realizzazione di alcune opportunità di crescita, così come si è fatto con la creazione di master per ambasciatori dei brand made in Italy, finanziati dalle imprese del territorio. Nello specifico si tratta di un percorso promosso da Unindustria Treviso e Confindustria Veneto con l’obiettivo di formare al meglio i futuri laureati e chi già lavora nel settore.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattro × tre =