Come organizzare un team più produttivo

Micro e Macro Management, come gestire al meglio un gruppo di lavoro?

Loris Comisso
0
4
organizzazione-team

In questo articolo comprenderai come il tuo Team è organizzato e quali azioni puoi intraprendere per farlo realizzare di più e meglio. Andiamo subito al dunque perché fin da subito ho promesso solo pratica e pratica sia!

Quali sono gli Stili di Management con i quali hai organizzato il tuo team? Solitamente sono 4:

  • Direttivo: il capo parla solo ai suoi riporti principali e poi loro parlano con i loro riporti e così via fino ad arrivare alla base della piramide;
  • Organizzativo: il capo è centrale, equidistante da tutti coloro che sono in azienda. Ascolta e parla con tutti quanti nella stessa maniera;
  • Collaborativo: stile partecipativo, parla con quello di destra e con quello di sinistra che con passaparola fanno girare lo stile di management;
  • Allenatore: l’organizzazione va avanti da sola e da fuori il coach gli da il giusto stimolo, le indicazioni e la direzione.

Questa ultima tipologia può essere paragonata a quella del direttore d’orchestra, anche se questo interviene solamente in due casi:

  • per dare il ritmo;
  • in un momento di pericolo.

Questa informazione ci porta a comprendere come è gestito il tuo management, in pratica come è organizzato il tuo Team. E può essere gestito in due modi:

  • in Micro Management;
  • in Macro Management.

banner-tianticipo

Cosa sono e come vengono concepiti questi modi di gestire un Team?

Il Micro Management, è quello dello stile direttivo, organizzativo e collaborativo dove il leader deve dire costantemente al suo gruppo cosa deve fare. Passo dopo passo, deve controllare e premiare o punire ogni comportamento. Questa modalità comporta l’impegno costante del Leader nella pianificazione e nella gestione dei comportamenti. Non c’è nessuna responsabilità e autonomia dei membri dell’azienda perché decide tutto il capo. Con questo modo di interpretare il tuo team, il responsabile diventa come gli altri, diventa un controllore.

Questo modo di fare lo inibisce nel fare il suo vero lavoro, che consiste nel creare, imprendere, indicare una nuova rotta, inventare, realizzare che è quello di avere una visione, una missione e un’ambizione, che è la migliore qualità del Macro Management. In questo tipo di organizzazione, infatti, viene data molta responsabilità ai membri del team. Ognuno può prendere decisioni in autonomia. Nella sostanza il Macro Management si basa su 3 dinamiche che sono le dinamiche che tiene uno stormo in formazione.

Lo Stormo quali dinamiche ha?

Quando alzi gli occhi in cielo e vedi uno stormo dalla forma regolare, con gli uccelli che vanno tutti nella stessa direzione, ti stupisci e ti chiedi come fanno degli animali a essere così organizzati, a non litigare ed andare dove vogliono. Il motivo è dato da 3 regole che rispettano: Direzione, Posizione e Distanza.

Ognuno di loro decide la direzione, tutti hanno una posizione che ciclicamente cambiano e li fa stare prima in testa e poi in coda, ruotano e girano per provare tutte le posizioni. Hanno deciso la distanza fra un uccello e l’altro. Nella tua azienda la Direzione è lo scopo, la Posizione è il ruolo e la Distanza è il comportamento. Il Macro Management riesce a definire lo scopo di tutti, il ruolo ed i comportamenti da tenere all’interno del gruppo ed in caso di imprevisti hanno le risposte autonome.

cosa fa Lo stormo quando trova un ostacolo?

Ognuno cerca di schivare l’ostacolo, per cui trova la propria risposta in autonomia senza dover andare dal manager a chiedere “Che cosa devo fare?” (che è tipico del Micro Management). Ognuno di loro è abilitato, delegato, autorizzato a decidere per sé e poi appena finito lo scoglio, superato l’ostacolo ognuno degli uccelli torna nella direzione, nella posizione e nella distanza definita.

Nel Micro Management ad ogni ostacolo si paralizza, si ferma e va dal Manager a chiedere come comportarsi o cosa fare. Nel Macro, quello intelligente, quello che fa avanzare il capo insieme alla sua struttura hanno deciso 3 semplici regole. Quale è la loro Direzione/Posizione/Distanza, chiamale se vuoi Visione / Missione / Scopo, nella sostanza i componenti del Team sanno quale è il loro ruolo e i comportamenti da assumere, sia nella normalità che nelle situazioni straordinarie o di emergenza.

Ti aspetto a “Mettiamoci in Squadra”, il Talk Show Educativo firmato Business Formula, per apprendere il libretto di istruzioni nella creazione e nello sviluppo di Team Vincenti con Dan Peterson e Dino Meneghin, Leo Turrini, Beatrice Bauer, Giordano Mazzi.

Vuoi maggiori info? Visita www.businessformula.it

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: Shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Loris Comisso

Loris Comisso

Loris Comisso è titolare di Business Formula, docente di Comunicazione & Leadership dal 1998 e autore del libro “Protagonista dei tuoi Risultati”. Ha conseguito un Master in PNL e il Percorso Leader della SDA Bocconi di Milano.

Ultimi post su Twitter

  • R. Giorgio DI GIACOMO- VENEZIA

    Oggi il problema principale delle MICRO e PMI, è la gestione del loro assetto finanziario e le tecniche da attivare non sono sempre scontate, anche se ci sono le soluzioni.
    Su questo argomento andrebbe meglio sviluppato un confronto con approfondimenti, per rendere operativo un percorso veloce e pratico al quale possano accedere sia le MICRO, sia le PMI.

  • Flavio Marzi

    Ottima esposizione.
    Un tema di riflessione: prima del 2009, le banche offrivano la quasi totalità degli strumenti finanziari alle PMI.
    La crisi ha reso senz’altro più rischioso investire dei capitali in crediti alle PMI, ma credo che lo spazio sia ancora molto importante, in rapporto a quanto sia stato sottratto dal sistema bancario alle PMI stesse.
    Dobbiamo anche considerare che, le soglie della “bancabilità” di una PMI, si sono molto abbassate a causa dei notevoli problemi di liquidita interni al sistema bancario stesso e per gli effetti sulle riserve delle varie “Basilea”.
    Sull’argomento della rischiosità, nulla vieta ad un investitore di chiedere il rating (bancario o indipendente) della (o delle) PMI che intende finanziare e di richiedere forme, che possono essere anche non troppo costose, di verifica o certificazione dei bilanci e delle trimestrali.
    Anche limitarsi ad aziende che operino nell’area di residenza del finanziatore può essere una cautela opportuna.

  • Alice Borio

    Alberto, nel caso in cui un professionista anticipi ad un committente un importo per spese pubblicitarie volte a promuovere l’attività del committente, quindi, non c’è IVA, è corretto? Che dicitura bisogna inserire in fattura? E’ sufficiente “rimborso spese pubblicitarie” allegando la rispettiva fattura con il costo sostenuto? Grazie!