Cos’è la corporate identity? Esprimi il tuo valore

Distinguiti dalla concorrenza e valorizza l'esperienza offerta.

Export UP
0
0
corporate-identity

L’immagine aziendale, detta propriamente Corporate Identity, vuole rappresentare il brand e i suoi valori, dai quali ne conseguono mission e vision. Impostare un’immagine aziendale professionale, coerente e corretta, è fondamentale per valorizzare l’azienda e contemporaneamente distinguersi dalla concorrenza.

Nel mercato odierno, dove prodotti e servizi vengono rivoluzionati e sostituiti ad un ritmo frenetico, l’azienda deve puntare ad un’immagine che la renda riconoscibile, a prescindere degli stessi prodotti che offre.

Molte PMI italiane che si distinguono per prodotti di eccellenza, quando comunicano con mercati esteri soffrono il limite di presentarsi con un’immagine che non rispecchia veramente il valore aziendale e che è spesso troppo legata al proprio catalogo, con il rischio di perdere il cliente fidelizzato quando il prodotto viene sostituito.

Oggi però si nota sempre più la tendenza delle PMI a vocazione internazionale a curare la propria Corporate Identity valorizzando il bagaglio di valori, esperienza ed offerta a tutto a vantaggio di fatturato e margine.

 

Image Credit: Shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Export UP

Export UP

Passione per il mercato globale ed esperienza nell'export del Made in Italy sono i nostri punti di forza a disposizione delle PMI italiane per supportare la loro crescita all'estero. Grazie alle nostre competenze proponiamo varie soluzioni, snelle e flessibili, per aumentare il fatturato export delle PMI ottimizzando le risorse e valorizzando le energie disponibili all'interno dell'impresa.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quindici − 14 =