Debiti PA: 64 miliardi di Euro dovuti alle aziende

Oltre ai tempi di pagamento più lunghi rispetto alla media europea, l'introduzione dello split payment ha ulteriormente complicato i rapporti tra imprese e PA.

Redazione MondoPMI
0
0
debiti pa

I debiti commerciali che la Pubblica Amministrazione ha verso i propri fornitori ammontano a 64 miliardi di Euro, secondo quanto riportato dalla relazione annuale della Banca d’Italia. Dei debiti PA, più della metà, ovvero 34 miliardi di Euro, sono relativi a ritardi nei pagamenti.

Paolo Zabeo, coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA, commenta: ”sebbene ci sia una leggera diminuzione della stima prudenziale effettuata dalla Banca d’Italia attraverso l’annuale indagine campionaria, anche i ricercatori di via Nazionale tornano a sottolineare che nel confronto con gli altri Paesi europei l’Italia presenta tempi di pagamento mediamente più lunghi e un ammontare complessivo di debiti da onorare che non ha eguali. Cosa inaccettabile di tutta questa vicenda è che la nostra PA, nonostante siano ormai trascorsi 2 anni dall’introduzione della fattura elettronica nelle transazioni commerciali tra quest’ultima e i fornitori, non conosca ancora adesso quanti soldi debba onorare ufficialmente ai propri fornitori”.

TiAnticipo_Chaplin_banner_728x90

Cosa comporta lo spLit payment nella gestione dei debiti pa

Inoltre, l’introduzione dello split payment nel 2015 ha ulteriormente complicato i rapporti con la Pubblica Amministrazione. Questa misura prevede che nei pagamenti effettuati dalla PA sia trattenuto l’importo dovuto all’IVA, il quale verrà direttamente versato all’erario. Questa disposizione da un lato contrasta il fenomeno dell’evasione fiscale, mentre dall’altro comporta delle difficoltà finanziarie alle imprese estranee all’evasione, e agevola lo stato nella gestione dei debiti PA.

Renato Mason, Segretario della CGIA, commenta: “la nostra PA non solo paga con un ritardo che non ha eguali nel resto d’Europa e quando lo fa non versa più l’IVA al proprio fornitore. Insomma, oltre al danno anche la beffa. Pertanto, le imprese che lavorano per lo Stato, oltre a subire tempi di pagamento spesso irragionevoli, scontano anche il mancato incasso dell’Iva che, pur rappresentando una partita di giro, consentiva alle imprese di avere maggiore liquidità per fronteggiare i pagamenti di ogni giorno. Questa situazione, associandosi alla contrazione degli impieghi bancari nei confronti delle imprese in atto dal 2011, ha peggiorato la tenuta finanziaria di moltissime aziende, soprattutto quelle di piccola dimensione”.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

17 − diciassette =