Fattura personalizzata: rafforza l’identità

Rendi più accattivanti i tuoi documenti rispecchiando i tuoi valori.

Redazione MondoPMI
0
0
fattura-personalizzata

In molti considerano la fatturazione una mera operazione amministrativa che fa parte degli obblighi fiscali della gestione di una attività. Nonostante la redazione di questi documenti non sia normalmente un’attività creativa, può comunque aggiungere valore alla strategia di promozione e rafforzare il marchio.

La fattura in ogni caso è una delle ultime cose che i clienti vedono al termine dello svolgimento di un lavoro commissionato o all’acquisto di un prodotto e che conservano più a lungo rispetto agli altri documenti.

Una tacita rappresentazione dei propri valori

Nonostante la fattura sia il punto conclusivo di un rapporto commerciale, non necessariamente ne segna la fine, può infatti rappresentare l’inizio di un rapporto di collaborazione continuativo nel tempo. Se l’esperienza di acquisto o la prestazione professionale hanno soddisfatto il cliente, questi tenderà a servirsi dello stessa azienda o imprenditore in futuro.

Una fattura che si distingua dalle altre può essere il segno tangibile di un servizio differente. A partire dal logo, da un eventuale messaggio per il cliente, dall’abbinamento dei colori o lo stile usato per il modello, se scelti con cura e opportunamente allineati alla propria strategia, servono a trasmettere i valori e i principi su cui questa si basa. Inoltre, una fattura personalizzata risalta su quelle omologate e contribuisce ad imprimere l’immagine dell’azienda in modo fermo nella mente dei clienti suggerendo un valore aggiunto.

I modelli di Word e Excel permettono di creare delle fatture nel modo in cui si effettuano molte altre operazioni con questi programmi. Il rischio, tuttavia, è quello di perdere la marcia in più che un tocco personale può dare in cambio della semplicità che molti programmi di fatturazione mantengono pur offrendoti maggiori funzioni.

Come creare un modello di fattura personalizzato?

L’abbellimento di una fattura non implica necessariamente un dispendio di denaro elevato. Molti programmi di fatturazione e contabilità includono la funzione di personalizzazione della fattura che consente di giocare con i colori, includere un logo o adattare il modello.

In questo modo, senza perdere molto tempo e denaro, si può mettere in risalto il marchio massimizzandone il potenziale valore e catturando l’attenzione dei clienti.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

17 + 6 =