SAS Forum Milan 2017: gli analytics guidano ogni cosa

Tra gli ospiti la campionessa olimpica di scherma Margherita Granbassi e l’artista cyborg Neil Harbisson.

Redazione MondoPMI
0
0
SAS-forum-2017

Analytics drives everyting” sono state le parole che hanno accompagnato il SAS Forum Milan 2017, l’evento organizzato da SAS Italy che ha coinvolto oltre 2.000 partecipanti tra utenti ed esperti sui temi degli analytics, intelligenza artificiale, internet of things e digital transformation.

Marco Icardi, AD di SAS Italy e SAS Regional Vice President, ha aperto la dodicesima edizione del Forum con le parole “tutto è illuminato”, a sottolineare come tutto sia connesso e gli analytics siano lo strumento che tutto illumina. Icardi ha poi aggiunto come le macchine non potranno mai sostituire l’essere umano quando si tratta di intraprendere decisioni o mostrare creatività, ma a suo avviso sarà necessario cambiare il modo in cui funzionano le organizzazioni, trasferendo cultura e competenze: la formazione sarà per ogni impresa la sfida del futuro.

I protagonisti

Due special guest hanno poi calcato il palco del SAS Forum Milan 2017: la campionessa olimpica di scherma Margherita Granbassi e l’artista cyborg Neil Harbisson. Intervistata da Emanuela Sferco, Regional Marketing Director di SAS, Margherita Granbassi ha sottolineato come anche nello sport l’analisi dei dati sia fondamentale non solo per migliorare la performance, ma anche per studiare l’avversario e rifinire l’attitudine psicologica nell’affrontare l’incontro. Esiste una correlazione tra scherma e trasformazione digitale: tutto riguarda la scelta del momento giusto, valutando quando sia meglio avanzare o indietreggiare, facendo adattare l’avversario al proprio ritmo, trasformando i propri punti deboli in punti di forza. Neil Harbisson, artista di origini inglesi, ha trasformato il suo disturbo visivo, l’acromatopsia ovvero la non capacità di vedere i colori, in un nuovo modo di comunicare, facendosi impiantare un’antenna che traduce le frequenze delle onde di luce dei colori in onde sonore, riuscendo in questo modo a percepire in un modo nuovo la realtà che lo circonda.

banner-tianticipo

Infine sono intervenuti Oliver Schabenberger, ‎EVP e CTO di SAS, e Fabio Bianchi, Direttore Generale di Octo Telematics. L’internet dei sensi è stato il concetto introdotto da Oliver Schabenberger, secondo il quale un’evoluzione dell’IoT e intelligenza artificiale, supportata dai big data, del machine learning e delle reti neurali stia già cambiando il nostro modo di pensare e di agire. Interrogato sulla prossima disruptive technology, secondo Schabenberger questa sarà la “blockchain”, immaginando una nuova evoluzione di internet, ovvero un internet del valore come base per la sharing economy. Fabio Sbianchi ha portato sul palco la propria esperienza professionale nel campo delle assicurazioni, spiegando come con i nuovi strumenti di analisi dati le compagnie di assicurazione potranno rivoluzionare il modo di calcolare il rischio e calcolare il premio assicurativo.

Nel corso del pomeriggio si sono poi svolte le sessioni parallele su diverse tematiche legate al mondo degli analytics: dall’utilizzo dei big data come strumento di marketing per migliorare il rapporto con il cliente, alla finanza e all’organizzazione aziendale, dall’innovazione ai rischi connessi alla sicurezza informatica.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

12 + 3 =