Settimana Europea delle PMI: al via le registrazioni

Il clou della manifestazione si svolgerà a Tallinn dal 22 al 24 novembre.

Redazione MondoPMI
0
0
Settimana-europea-PMI

 

Con la messa on line del sito dedicato, per ora solo in Inglese, sono iniziate le registrazioni per la Settimana Europea delle PMI. L’evento principale si terrà a Tallinn, in Estonia, dal 22 al 24 Novembre 2017, e vedrà la cerimonia di premiazione degli European Enterprise Promotion Awards e la riunione dell’Assemblea Europea delle PMI.

Il progetto riguarda la realizzazione di eventi e manifestazioni finalizzati a:

  • informare sul sostegno pubblico alle microimprese, alle piccole e medie imprese, proveniente dalla UE e dalle autorità nazionali, e territoriali;
  • incoraggiare la costituzione di nuove imprese e l’intrapresa di carriere imprenditoriali;
  • fornire riconoscimento all’azione degli imprenditori per l’incremento dell’occupazione, dell’innovazione e del benessere in Europa.

Gli eventi dovranno aver luogo entro il 31 dicembre 2017 in uno dei 37 stati aderenti alla Settimana delle PMI.

banner-tianticipo

L’obiettivo è far conoscere il mondo delle PMI

Gli eventi che sono iscrivibili nell’ambito della Settimana Europea delle PMI sono tutti quelli che possono diffondere la conoscenza dell’imprenditorialità delle PMI, o agevolare quest’ultima attraverso la creazione di network, la diffusione della consapevolezza in merito a tecnologie e servizi per la micro, piccola e media imprenditoria. La formazione: Fiere, congressi, seminari, percorsi di formazione, conferenze, visite guidate in azienda, incontri tra università o altri enti formativi ed aziende.

Gli eventi che vogliono essere inseriti nell’ambito della settimana europea delle PMI devono essere registrati entro il 30 novembre 2017 sul sito della Commissione Europea, nell’area dedicata alla Settimana Europea delle PMI, a questo link.

Registrando il proprio evento nel contesto della Settimana Europea, si può entrare a far parte di un network istituzionale in grado di dare rilevanza all’evento stesso, e di mettere gli organizzatori in contatto con altri organizzatori (imprese, organizzazioni di imprese, fornitori di servizi alle imprese, enti territoriali e formativi) sul territorio di 37 stati. La presenza di un sito all’interno del sito della Commissione Europea garantisce la visibilità e l’autorevolezza che vengono dall’egida della più importante Organizzazione Comunitaria. L’evento principale di Tallin avrà inoltre una copertura mediatica che si rifletterà sugli eventi iscritti alla Settimana Europea delle PMI

Non sono previsti contributi per le manifestazioni iscritte, tuttavia la rilevanza mediatica dell’evento pan europeo si presenta come un’ottima possibilità per gli eventi locali di accedere a visibilità e networking; a coordinare le operazioni sarà un gruppo di coordinatori per ciascuna nazione, che opererà a livello europeo. Per L’Italia i coordinatori saranno la Dottoressa Raffaella Di Blasio ed il Dottor Fernando Ippoliti, rispettivamente per il MISE e per le Associazioni di Categoria.

Su questa pagina del Ministero dello Sviluppo Economico è possibile trovare il comunicato stampa ufficiale: http://bit.ly/MISE-EWSME

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazione MondoPMI

Redazione MondoPMI

MondoPMI è il blog dedicato a i principali temi di interesse per imprenditori e manager di piccole e medie imprese. Credito, innovazione e novità legislative sono i principali argomenti del nostro blog.

Ultimi post su Twitter

3 risposte a “Aprire Partita IVA nel 2015: quanto costa?”

  1. Grazie di questo preciso specchietto; chiedo anche quanto potrebbe essere un costo annuale di gestione da parte di un commercialista

  2. Ciao Paolo, grazie per il commento. Il costo annuale del commercialista dipende molto dalla zona e dal professionista che interpelli. In media si tratta di 1.000 euro all’anno ma potrebbe variare da 500 a 2.000 euro. Un altro aspetto da considerare oltre a quelli citati nell’articolo è l’adesione al regime dei minimi. Il miglior consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un commercialista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

9 + 8 =