Bandi Emilia Romagna: ancora pochi giorni per candidarsi

Fino al 26 Febbraio per internazionalizzazione e fiere mondiali.

Laura Aglio
0
0
bandi-emilia-romagna

La nuova programmazione europea 2014-2020 ha preso il via e sono in arrivo i primi bandi regionali a valere sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR). L’Emilia Romagna ha puntato sull’internazionalizzazione con un bando (POR FESR 2014-2020) rivolto ai Consorzi per l’internazionalizzazione e uno, nell’ambito del Programma Regionale Attività Produttive 2012-2015, volto ad agevolare la partecipazione a eventi e progetti di promozione finalizzati alla penetrazione nei mercati esteri.

Si unisce inoltre, come annunciato il 28 dicembre 2015 dalla Regione, un’ iniziativa a supporto delle PMI locali che guardano a nuovi mercati esteri per far crescere il proprio business, il cui sportello aprirà il 15 marzo 2016.

 

SUPPORTO AI CONSORZI DI PMI per l’INTERNAZIONALIZZAZIONE

Cosa finanzia: sostegno di programmi promozionali proposti dai Consorzi per l’internazionalizzazione (Legge 7 agosto 2012, n. 134) costituiti principalmente da PMI industriali, commerciali e artigiane.

Le azioni promozionali e a quelle permanenti di cooperazione produttiva, commerciale e tecnologica all’estero delle imprese consorziate in un’ottica di medio e lungo periodo, realizzabili da parte dei Consorzi per l’internazionalizzazione, devono essere articolate e descritte nell’ambito di un Programma Promozionale annuale per il 2016 da realizzarsi inderogabilmente tra l’1/01/2016 e il 31/12/2016.

Beneficiari: PMI industriali, commerciali e artigiane in Consorzi per l’internazionalizzazione, che al momento della presentazione della domanda:

– abbiano sede legale in Emilia-Romagna;

– siano costituiti da imprese prevalentemente con sede legale in Emilia-Romagna; le imprese consorziate con sede al di fuori della regione non devono rappresentare più del 25% del totale. E’ ammessa la partecipazione di enti pubblici e privati, di banche e di imprese attive in settori non ammessi purché non fruiscano del contributo concesso dal presente bando;

– siano costituiti da almeno otto imprese fra loro indipendenti (ovvero non associate o collegate fra di loro); possono essere costituiti da non meno di cinque imprese qualora si tratti di consorzi e società consortili tra imprese artigiane di cui all’articolo 6 della legge 8 agosto 1985, n. 443;

– abbiano indicato nello statuto il divieto di distribuzione degli avanzi e degli utili di esercizio, di ogni genere e sotto qualsiasi forma, alle imprese consorziate o socie anche in caso di scioglimento del Consorzio; essere attivi e non essere in liquidazione o soggetti a procedure.

Tipo di agevolazione: contributo quantificabile fino al 50% della spesa ammissibile che non potrà comunque superare l’importo di 150.000,00 euro (non inferiore a 30.000 euro)

Spese ammissibili:

– partecipazioni fieristiche del consorzio a fiere estere con qualifica internazionale (calendario italiano, internazionale)

– spese promozionali del consorzio per l’internazionalizzazione (video, stampa, pubblicità, degustazioni all’estero, aggiornamento del sito, ecc)

– spese di incoming relative alla ospitalità di operatori esteri in Italia (si specifica che non sono ammissibili le spese di missione di operatori italiani in Italia e all’estero)

– spese di consulenza esterna (partecipazione a eventi promozionali all’estero; redazione di un piano di marketing internazionale; redazione di studi di fattibilità originali; l’organizzazione di incontri b2b; organizzazione ed erogazione di formazione specialistica)

– Spese di personale dipendente o assimilato per la realizzazione del programma promozionale sono imputabili nella misura massima del 25% delle spese complessive

– Spese forfettarie di funzionamento per un massimo del 5% delle spese complessive

– per i soli consorzi di nuova costituzione: realizzazione o il rinnovo del marchio consortile, di un nuovo sito del consorzio, e per l’implementazione e realizzazione del percorso di accreditamento.

Termini e modalità: domanda entro il 26 febbraio 2016 ore 18.00, mediante posta elettronica certificata (PEC) a questo indirizzo mail.

Link al bando

 

PARTECIPAZIONI FIERISTICHE AGEVOLATE PER LE PMI

Cosa finanzia: la realizzazione di eventi e progetti di promozione finalizzati alla penetrazione nei mercati esteri, l’erogazione di servizi informativi e di assistenza, il sostegno alle azioni promozionali da realizzarsi principalmente in forma aggregata

Beneficiari: singole imprese o aggregazioni temporanee di almeno 3 imprese tra loro indipendenti (ATI), costituite da almeno due anni, previa presentazione di un elenco di minimo 3 eventi da tenersi all’estero nel corso del 2016 (almeno uno degli eventi dovrà essere una fiera estera con qualifica internazionale).

Tipo di agevolazione: contributo erogato con modalità a sportello

– per le singole imprese: fino ad una misura massima del 30% della spesa ammissibile (superiore a € 20.000,00 e inferiore a € 100.000,00)

– per le ATI: fino al 45% della spesa ammissibile (superiore a € 100.000,00 e inferiore a € 200.000,00)

Spese ammissibili:

– per singole imprese e ATI: partecipazione ad eventi all’estero (costo dell’area espositiva e del suo allestimento; trasporto di materiali e prodotti comprensivo di assicurazione; costo di hostess e interpreti; costo di consulenza esterne finalizzate esclusivamente alla partecipazione fieristica o alla organizzazione e realizzazione di eventi, nel limite massimo del 10% della spesa delle precedenti voci)

– solo per ATI: costo per la produzione di materiali promozionali comuni nel limite di 10.000 euro; spese di coordinamento nell’importo forfettario massimo del 15% della somma delle altre spese ammesse.

L’ammissibilità delle spese decorre dalla data di presentazione della domanda e comunque da non prima del 01/01/2016.

Termini e modalità: entro e non oltre le ore 12.00 del 25 Febbraio 2016

Link al bando

 

Bando per l’internazionalizzazone delle pmi prossimo all’apertura

Beneficiari: Piccole e Medie Imprese e reti d’imprese, con un milione di euro di fatturato

Risorse: 10 milioni di euro

Tipo di agevolazione: bando a sportello

– minimo 50.000 euro con un contributo pari al 50% del costo

– massimo 100.000 euro per singola impresa e 400.000 euro per reti d’impresa

Termini e modalità: apertura 15.03.2016 fino a fine 2016

Image Credit: Shutterstock