Bandi PMI Friuli a sostegno dell’innovazione

Dal 31 maggio fondi regionali per consulenze e difesa brevetti.

Laura Aglio
0
0
bandi-pmi-friuli

La regione Friuli Venezia Giulia ancora una volta supporta le PMI del territorio per l’acquisto di servizi volti a promuovere attività di innovazione tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale. Vediamo allora a chi si rivolge il bando e come aderirvi:

Beneficiari: microimprese, piccole e medie imprese comprese in una delle seguenti Aree di specializzazione individuate dalla Strategia di Specializzazione Intelligente (S3): agroalimentare, filiera metalmeccanica, filiera sistema casa, tecnologie marittime, smart health.

Tipo di agevolazione: contributo tra 5.000 e 20.000 euro

L’intensità dell’aiuto è pari:

  1. a) al 50% della spesa ammissibile per microimprese e piccole imprese;
  2. b) al 45% della spesa ammissibile per medie imprese

Spese ammissibili:

  1. a) l’ottenimento, la convalida e la difesa di brevetti e altri attivi immateriali:

– costi, anteriori alla concessione del diritto nella prima giurisdizione, connessi alla preparazione, presentazione e trattamento della domanda, nonché i costi per il rinnovo della domanda prima della concessione del diritto;

– costi di traduzione e altri costi sostenuti al fine di ottenere la concessione o il riconoscimento del diritto in altre giurisdizioni;

– costi sostenuti per difendere la validità del diritto nel quadro ufficiale del trattamento della domanda e di eventuali procedimenti di opposizione, anche se detti costi siano sostenuti dopo la concessione del diritto

  1. b) l’acquisizione di servizi di consulenza e di sostegno all’innovazione

– per quanto riguarda i servizi di consulenza in materia di innovazione, le spese per consulenza, assistenza e formazione in materia di trasferimento delle conoscenze, acquisizione, protezione e sfruttamento di attivi immateriali e di utilizzo delle norme e dei regolamenti in cui sono contemplati;

– per quanto riguarda i servizi di sostegno all’innovazione, le spese per la fornitura di laboratori, ricerche di mercato, studi, laboratori, sistemi di etichettatura della qualità, test e certificazione e per l’accesso a banche dati e biblioteche, al fine di sviluppare prodotti, processi o servizi migliorati e/o nuovi.

Progetti ammissibili se prevedono l’acquisizione di uno o più dei seguenti servizi:

  • studi di fattibilita‘ per progetti di ricerca, sviluppo e innovazione, compresa la consulenza per la partecipazione ai programmi dell’unione europea, dello stato e di altri enti pubblici in materia;
  • servizi di audit – servizi per l’innovazione di concetto;
  • servizi per l’innovazione organizzativa;
  • servizi di supporto all’innovazione strategica;
  • servizi per l’innovazione di prodotto e di processo produttivo;
  • servizi per l’efficienza energetica e la responsabilita’ ambientale;
  • servizi per l’innovazione commerciale;
  • servizi di progettazione per la ricerca e sviluppo e per l’innovazione di prodotto/processo produttivo;
  • servizi di sperimentazione;
  • servizi di ricerca contrattuale;
  • servizi di valorizzazione della proprieta’ intellettuale;
  • servizi a supporto della proprieta’ intellettuale;
  • servizi di supporto alla certificazione avanzata. 

Termini e modalità: dalle ore 9.15 del giorno 31 maggio 2016 alle ore 16.30 del giorno 28 luglio 2016

La domanda deve essere presentata alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura territorialmente competente (CCIAA) utilizzando il sistema informatico “FEG”.

Link al bando completo 

Image Credit: shutterstock