Bandi PMI Toscane: sostegno a turismo e manifattura

Il termine per accedere ai finanziamenti è il 31 maggio.

Laura Aglio
0
0
Bandi-PMI-toscane

Sostegno al manifatturiero e promozione sui mercati esteri del sistema di offerta turistica nei bandi PMI toscane. Così la Regione sostiene l’export dando attuazione al Por Fesr 2014-2020 con la linea d’azione “Internazionalizzazione del sistema produttivo regionale: aiuti export MPMI manifatturiero” (azione 3.4.2) – sub azioni a e b.

Incentivi all’acquisto di servizi a supporto dell’internazionalizzazione in favore delle PMI toscane

Cosa finanzia: realizzazione di progetti di investimento per lo sviluppo di reti commerciali all’estero, quali partecipazione a fiere, apertura di uffici e sedi espositive, realizzazione di attività di incoming rivolta a operatori esteri, attività promozionale anche attraverso strumenti informatici innovativi, affinché le imprese toscane possano aumentare la competitività e trovare importanti sbocchi sui mercati esteri.

 

Beneficiari: micro, piccole e medie imprese (MPMI) così come definite nella Raccomandazione della Commissione 2003/361/CE, del 6 maggio 2003, in forma singola o aggregata (almeno 3), RTI, Reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), Reti di imprese senza personalità giuridica (Rete-Contratto), Consorzi e Società Consortili.

Codici ATECO ISTAT 2007 ammessi:

B – Estrazione di minerali da cave e miniere ad esclusione del gruppo 05.1, 05.2 e della classe 08.92

C – Attività manifatturiere, ad esclusione del gruppo 19.1

D – Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata

E – Fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento

F – Costruzioni

I – Servizi di alloggio e ristorazione, limitatamente ai codici 55.1, 55.2, 55.3, 55.9

H – Trasporto e magazzinaggio ad esclusione dei gruppi 49.1, 49.3, 50.1, 50.3, 51.1, 51.2, 53.1, e 53.2

J – Servizi di informazione e comunicazione, ad esclusione della divisione 60 e dei gruppi 61.9 e 63.9

M – Attività professionali, scientifiche e tecniche

N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese, limitatamente ai codici 79 e 82.3

R – Attività artistiche, di intrattenimento e divertimento, limitatamente ai gruppi 90.03.02 e 93.29.20

S – Altre attività di servizi, limitatamente alla categoria 96.01.1

Nei casi di Consorzi, Società Consortili o Reti-Soggetto i codici Ateco delle singole imprese consorziate/aderenti alle reti devono corrispondere ad una delle attività sopra elencate.

Risorse: 1.435.860,89 euro a valere sul POR FESR 2014-2020 così ripartiti

– 396.508,82 euro per l’azione “Internazionalizzazione del sistema produttivo regionale: aiuti export MPMI manifatturiero” (azione 3.4.2. sub a)

– 1.039.352,07 euro per l’azione “Internazionalizzazione e promozione sui mercati esteri del sistema dell’offerta turistica delle MPMI (azione 3.4.2. sub b)

 

Tipo di agevolazione: contributo in conto capitale, anche nella forma di voucher (limitatamente alle spese rivolte a fornitori nazionali), nella misura massima del 50% del valore del progetto, con massimali di spesa e intensità di aiuto diversi a seconda delle attività del programma e delle dimensioni delle imprese (tra 10.000 e 400.000 euro).

 

Spese ammissibili: formulazione di un progetto di investimento per internazionalizzazione rivolta a Paesi esterni all’Unione Europea (relazione tecnica che descriva analiticamente le varie fasi, ivi compresa quella realizzativa del risultato finale da conseguire).

Il progetto deve prevedere investimenti innovativi consistenti nell’acquisizione di servizi qualificati delle tipologie di cui al Catalogo dei servizi qualificati della Regione Toscana:

C.1 – Partecipazione a fiere e saloni internazionali C. 2 – Promozione di prodotti e servizi su mercati internazionali mediante utilizzo di uffici o sale espositive all’estero C. 3 – Servizi promozionali C. 4 – Supporto specialistico all’internazionalizzazione C. 5 – Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati

Il progetto deve illustrare nel dettaglio le modalità realizzative, finanziarie e gestionali dell’investimento, nonché prevedere un programma di utilizzo dei risultati, che garantisca il pieno conseguimento degli obiettivi prefissati.

 

Termini e modalità: fino alle ore 24 del 31 maggio 2016

LINK AL BANDO

Image Credit: shutterstock