Bando Brevetti+: domande dal 28 settembre

Contributi a fondo perduto fino a 140.000 euro per ogni impresa. Il fondo ha una dotazione di 23 milioni di euro.

Redazione MondoPMI
0
0
Bando Brevetti+

Incentivi per microimprese e PMI che vogliono valorizzare i propri brevetti.

Banca Ifis

In cosa consiste il bando Brevetti+

Brevetti+ è una misura a sostegno delle microimprese e delle PMI che vogliono sfruttare economicamente un brevetto di cui sono proprietarie o licenziatarie. L’iniziativa è promossa dal MISE ed è gestita da Invitalia.

Grazie a questo bando le imprese possono ottenere un contributo in conto capitale di importo fino a 140.000 euro e destinato a finanziare fino all’80% delle spese ammissibili. Rientrano tra le spese ammissibili i costi di ingegnerizzazione e di industrializzazione dei brevetti, i costi di organizzazione e di sviluppo del mercato e quelli necessari alla trasformazione tecnologica utile allo sfruttamento del brevetto.

Sono considerate ammissibili soltanto le spese sostenute dopo la data di presentazione della domanda. Sono escluse le spese per l’acquisto dei materiali, mentre sono ammessi i costi per le consulenze specialistiche richieste.

Possono fare domanda le imprese che risultano proprietarie o licenziatarie di un brevetto per invenzione industriale, le imprese che hanno depositato una domanda di brevetto con protezione a livello nazionale o quelle che hanno depositato la domanda con protezione internazionale. In tutti i casi è necessario che la concessione del brevetto o la presentazione della domanda siano avvenute dopo il 1° gennaio 2017. Naturalmente, non possono partecipare le imprese la cui domanda di brevetto è stata respinta.

Sono escluse dalla partecipazione al bando anche le imprese a cui non si applica il regolamento de minimis e quelle che hanno procedimenti amministrativi in corso. Anche il mancato pagamento dei costi legati al mantenimento della validità del brevetto è un motivo di esclusione.

L’obiettivo della misura è quello di sostenere la capacità innovativa delle micro e PMI italiane e favorire la competitività del settore produttivo. Grazie a questo incentivo le imprese possono avere delle risorse per lo sfruttamento economico del brevetto sia in campo nazionale sia internazionale.

Come fare domanda

L’apertura dello sportello per l’invio delle domande è fissata per il 28 settembre alle ore 12:00. Sarà possibile inviare la domanda fino all’esaurimento dei 23 milioni di euro stanziati per sostenere la misura. Le domande verranno analizzate in base all’ordine cronologico di presentazione.

Nella valutazione della domanda si terrà conto, oltre al rispetto dei requisiti necessari per la partecipazione, anche della credibilità della strategia di sfruttamento economica delineata e della coerenza delle spese previste.

Per poter concorrere al bando è necessario registrarsi sul sito di Invitalia, compilare la domanda e inviare la documentazione richiesta.

Chi vuole ricevere ulteriori informazioni sul funzionamento del bando o avere chiarimenti sulle modalità di compilazione e invio della domanda può rivolgersi al servizio di assistenza di Invitalia, chiamando il numero 848886886, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00.