Bando Emilia Romagna a sostegno delle start up innovative

Il bando prevede l’emissione di un contributo in conto capitale corrispondente al 60% dell’investimento complessivo.

Redazione MondoPMI
0
0
bando emilia romagna

L’Emilia Romagna sostiene la creazione e il consolidamento di start up innovative con un contributo a fondo perduto rivolto a Micro Imprese e PMI. Il bando è attivo e sarà possibile presentare domanda fino alle ore 17:00 dell’11 ottobre 2019.

BANDO EMILIA ROMAGNA: DI COSA SI TRATTA?

Il bando si propone di sostenere le spese di investimento per l’avvio o il consolidamento di nuove imprese ad elevato contenuto tecnologico e di valorizzare la ricerca e l’erogazione di nuovi prodotti e servizi di alta tecnologia o ad alto contenuto innovativo.

Le imprese che potranno usufruire del contributo dovranno rientrare in una delle seguenti categorie:

  • Imprese basate sullo sviluppo produttivo di risultati di ricerca o di soluzioni tecnologiche derivanti da una o più tecnologie abilitanti;
  • Imprese basate sullo sviluppo o sull’utilizzo avanzato delle tecnologie digitali per applicazioni imprenditoriali prioritariamente nelle industrie culturali e creative, nell’innovazione sociale, nel wellness e nei servizi ad alta intensità di conoscenza.

 

Banca IFIS Impresa

 

Ai fini della partecipazione concorso, è possibile presentare una tra queste due tipologie di progetti:

A. Progetti per la realizzazione dei primi investimenti necessari all’avvio dell’impresa e alla messa sul mercato dei prodotti/servizi oggetto di precedente attività di ricerca.
Tra i costi ammissibili, quelli per l’acquisto di:

  • Macchinari, attrezzature e impianti
  • Affitto/noleggio laboratori e attrezzature scientifiche
  • Brevetti, licenze e software
  • Consulenze esterne specialistiche

B. Progetti per la realizzazione di investimenti per l’espansione di start up già avviate, per quanto riguarda sedi produttive, logistiche e commerciali e l’aumento di dotazioni tecnologiche.
Le tipologie di costo ammesse, in questo caso, sono quelle relative a:

  • Acquisizione di sedi produttive, logistiche, commerciali
  • Macchinari, attrezzature, impianti, hardware, software
  • Affitto e noleggio laboratori e attrezzature scientifiche
  • Acquisto brevetti/licenze
  • Consulenze esterne specialistiche

BANDO EMILIA ROMAGNA: CHI NE PUÒ BENEFICIARE?

Possono beneficiare del bando esclusivamente le micro e piccole imprese regolarmente costituite e registrate nella Sezione Speciale del Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio dedicata alle start up innovative. Le imprese devono avere sede operativa in Emilia Romagna.

In particolare:

  • Per i progetti di tipo A, possono presentare la domanda le imprese costituite successivamente all’1 gennaio 2016
  • Per i progetti di tipo B, possono presentare la domanda le imprese costituite dopo l’8 luglio 2014.

BANDO EMILIA ROMAGNA: COEM VIENE EROGATA L’AGEVOLAZIONE?

Il bando prevede l’emissione di un contributo in conto capitale corrispondente al 60% della spesa complessiva, che non può, in ogni caso, superare:

  • 100 mila euro per i progetti di tipologia A
  • 250 mila euro per i progetti di tipologia B

È, inoltre, prevista una maggiorazione del contributo pari al 10% per i progetti che prevedono, alla loro conclusione, un incremento dei dipendenti assunti a tempo indeterminato di:

  • almeno 2 unità per i progetti di tipologia A
  • almeno 3 unità per i progetti di tipologia B
Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock