Bando Tech Fast per le PMI della Lombardia

Fino a 250.000 euro a fondo perduto per finanziare le innovazioni di processo e gli sviluppi sperimentali.

Redazione MondoPMI
0
0
Bando Tech Fast per le PMI della Lombardia

Disponibili 19 milioni di euro per sostenere l’innovazione tecnologica e digitale delle PMI lombarde.

 

Banca Ifis

 

In cosa consiste il bando Tech Fast

Il bando Tech Fast è stato aperto dalla Regione Lombardia e offre alle PMI la possibilità di richiedere un contributo a fondo perduto per la realizzazione di progetti riguardanti lo sviluppo sperimentale e le innovazioni di processo.

L’obiettivo è quello di accelerare i processi di innovazione in una delle aree che rientrano nell’ambito della strategia di specializzazione intelligente regionale. Tra le attività incentivabili ci sono il test di nuovi prodotti, lo sviluppo di prototipi o l’adozione di nuovi processi produttivi. Inoltre, si può concorrere per il bando per finanziare i progetti di sicurezza informatica, sviluppo di iniziative legate all’uso dell’intelligenza artificiale o dei big data.

Il contributo a fondo perduto riconosciuto dalla Regione copre fino al 50% delle spese ammissibili. Rientrano tra le spese ammissibili quelle per il personale coinvolto nella realizzazione del progetto, per i canoni di leasing o l’ammortamento delle spese per attrezzature e macchinari usati nel periodo di esecuzione del progetto, per le richieste di consulenza necessarie per l’esecuzione delle attività innovative, per la ricerca contrattuale, per i brevetti acquisiti, altri costi di esercizio e una quota delle spese generali calcolata in maniera forfettaria.

Per poter partecipare al bando è necessario che l’importo delle spese ammissibili sia superiore a 80.000 euro. Il fondo messo a disposizione della Regione Lombardia usando le risorse del Fondo europeo per lo sviluppo regionale ha una dotazione complessiva di 19 milioni di euro e ciascuna impresa può ottenere un contributo massimo di 150.000 euro.

I requisiti richiesti e come fare domanda

Le PMI già attive e con sede in Lombardia possono presentare domanda direttamente online. La finestra per l’invio delle domande è stata aperta il 5 luglio e l’invio è momentaneamente sospeso per l’esaurimento dei fondi disponibili.

Le domande vengono analizzate in ordine di arrivo e, qualora alcune delle richieste presentate finora venissero rifiutate, la Regione provvederà alla nuova riapertura dello sportello. La scadenza del bando è fissata infatti al 31 dicembre.

Per poter partecipare al bando è necessario che i progetti per i quali si concorre vengano avviati dopo aver conosciuto l’esito della richiesta e che vengano completati entro un massimo di 12 mesi.

Attraverso il sostegno all’innovazione digitale e di processo, la Regione punta ad aumentare la competitività e l’attrattività delle PMI lombarde.