Finanziamenti agevolati per l’imprenditoria femminile

Quali requisiti deve possedere un’impresa per essere ritenuta “femminile”? E di quali finanziamenti e incentivi può usufruire?

Redazione MondoPMI
0
0
Finanziamenti agevolati per l'imprenditoria femminile

Sei una imprenditrice alla ricerca di finanziamenti e agevolazioni per far crescere la tua azienda? In questo articolo potrai trovare consigli utili e indirizzi web che ti aiuteranno ad individuare i finanziamenti agevolati per l’imprenditoria femminile adatti a te!

Cosa si intende per imprenditoria femminile?

La legge n.21 del 25 febbraio 1992 specifica i requisiti che un’azienda deve possedere per essere definita “femminile”: l’imprenditrice, in caso di ditta individuale, o la maggioranza dei soci, in caso di società, devono appartenere al genere femminile.

Sono considerate imprese femminili anche:

  • Le società cooperative la cui compagine societaria sia formata per il 60% da donne
  • Le società di capitali in cui i due terzi del capitale societario sia stato apportato da donne, e il consiglio di amministrazione sia composto per almeno due terzi da donne

Se la tua azienda rientra in una di queste categorie, possiede le caratteristiche necessarie per accedere ad un finanziamento agevolato per l’imprenditoria femminile.

Attenzione: i requisiti appena elencati devono rimanere tali fino a 5 anni dopo la presentazione della domanda per accedere al finanziamento!

Banca Ifis

 

Gli strumenti utili per individuare i finanziamenti agevolati più adatti a te

PORTALE UNION CAMERE

Istituito nel 1999, Unioncamere si occupa della promozione di nuovi Comitati per l’imprenditoria femminile in ogni Camera di Commercio. Su questa piattaforma potrai trovare le agevolazioni riservate all’imprenditoria femminile man mano che verranno rese disponibili.

INVITALIA

Invitalia è l’agenzia per lo sviluppo, gestito dal Ministero dell’Economia, che ha come obiettivo quello di attirare investimenti e promuovere lo sviluppo delle imprese. Nell’apposita sezione del sito, puoi consultare i programmi di finanziamento disponibili in un dato periodo.

Sul sito di Invitalia puoi trovare anche un’area dedicata alla forma di agevolazione statale Nuove imprese a tasso zero: l’incentivo originariamente pensato per gli under 35, ma che dal 2005 è stato esteso anche all’imprenditoria femminile. Non si tratta di un finanziamento a fondo perduto, ma di un prestito a tasso zero per le imprese di recente formazione, costituite da un massimo di 12 mesi. Il finanziamento, dedicato ai nuovi progetti d’impresa avviati da giovani o da donne, arriva a coprire fino al 75% delle spese ammissibili.

Le forme di agevolazioni dedicate all’imprenditoria femminile

SMART E SMART

È una forma di agevolazione pensata per le startup innovative regolarmente iscritte nel Registro delle Imprese. Le imprese al femminile, in particolare, possono usufruire di un finanziamento agevolato a zero interessi, per un importo non superiore al milione e mezzo di euro e pari all’80% delle spese ammissibili dal programma.

FONDO DI GARANZIA

Il Fondo di Garanzia è uno strumento di finanza agevolata messo a disposizione delle PMI dal Ministero dello Sviluppo Economico per favorire l’accesso al credito da parte delle imprese. Il fondo consiste in una Garanzia Pubblica concessa a fronte di un finanziamento erogato dalla banca, che nel caso delle imprese femminili copre l’80% del prestito richiesto dall’azienda.

RESTO AL SUD

Si tratta di un finanziamento agevolato dedicato esclusivamente alle imprese di nuova costituzione ubicate nel Sud Italia. In questo caso, solo il 35% del finanziamento è a fondo perduto, mentre la restante parte ha la forma del prestito agevolato. Possono accedere al fondo uomini e donne di età inferiore ai 46 anni, che vogliano avviare un’attività in Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna.

IMPRENDITRICI OGGI

“Imprenditrici oggi” è un progetto elaborato dal Ministero delle Pari Opportunità, che consente di accedere al Fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese, che offre finanziamenti garantiti dallo Stato che possono raggiungere l’80% delle spese ammissibili, e di avere accesso a finanziamenti con condizioni agevolate messi a disposizione dalle banche aderenti all’iniziativa. Per partecipare al bando è sufficiente qualificarsi come imprese femminili.