Credito alle PMI: in crescita il ricorso a strumenti alternativi al finanziamento tradizionale

Studio Baldassi
0
0

Strumenti finanziari innovativi ma efficaci: è questa la necessità delle Piccole Medie Imprese italiane per uscire dalla crisi. Il credit crunch che ha messo in difficoltà le numerose aziende e ha indotto molte di queste a cercare la liquidità in maniera diversa rispetto al passato, rinunciando al ricorso a prestiti finalizzati o mutui, a favore di Factoring, mini-bond e private equity.

Un recente articolo de Il Sole 24 ore, ha messo in luce le peculiarità di ogni strumento, cercando di capire quali potrebbero essere i possibili trend di crescita stimata per il 2014.

Il Factoring sembra essere la soluzione con la più ampia possibilità di incremento della propria performance. I dati del 2013 hanno evidenziato una leggera e strutturale discesa del volume della cessione dei crediti commerciali, per questo le previsioni per il 2014 sono rosee e prevedono una crescita del volume delle imprese finanziate. Dato incoraggiante infatti è quello del turnover, ossia il volume dei crediti in dote nell’arco dell’anno, che secondo le stime crescerà nel 2014 del +1.84%.

Il private equity invece si è mantenuto costante nel corso dell’ultimo anno, pur segnando una lenta ripresa. Il numero delle operazioni effettuate nel primo semestre 2013 sono cresciute rispetto allo stesso periodo del 2012 di solo 14 unità, ma il vero dato positivo è la crescita del 62% dell’ammontare complessivo finanziato.

Uno strumento interessante per una valutazione della sua efficacia è il mini-bond. Questi, previsti dal Decreto Sviluppo e lanciati ufficialmente nel provvedimento “Destinazione Italia”, hanno ad oggi generato 32 emissioni totali, di cui 20 al di sotto dei 50 milioni. Probabilmente sono tempi ancora troppo prematuri per fare una stima corretta della loro efficacia nel finanziamento alle imprese, ma date le elevate stime di possibile interesse per lo strumento, elaborate da Cerved Group (35 mila aziende potenzialmente interessate), anche questo canale potrebbe interessare le PMI che cercano liquidità per ridurre l’attuale contrazione del mercato del credito.

[callto]Cerchi credito per la tua azienda?[/callto]