Credito di imposta formazione: un aiuto alle imprese

Sono previsti incentivi fino al 40% delle spese ammissibili

Redazione MondoPMI
0
0
credito di imposta formazione

Il 22 giugno è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo del credito di imposta formazione 4.0, la misura che sostiene le spese per la formazione del personale delle imprese.

Credito di imposta formazione: il decreto attuativo

Il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Economia e delle Finanze con il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 4 maggio 2018 stabilisce le disposizioni applicative del credito di imposta per le spese di formazione. Questa misura punta a incentivare la formazione nelle imprese e prevede la concessione di un incentivo fiscale per la formazione dei propri dipendenti nel settore delle tecnologie previste dal Piano Nazionale Industria 4.0.

TiAnticipo_Chaplin_banner_728x90

Credito di imposta formazione 4.0: soggetti beneficiari e attività ammissibili

Il credito d’imposta per la formazione dei dipendenti prevede un incentivo fiscale utilizzabile in compensazione delle spese di formazione del personale dipendente nel settore delle tecnologie. Possono accedere al credito d’imposta tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, indipendentemente dall’attività economica esercitata, purché non rientrino tra le imprese in difficoltà. Sono ammissibili al credito d’imposta le attività che siano finalizzate all’acquisizione oppure al consolidamento di competenze e tecnologie rilevanti per la realizzazione di un processo di trasformazione tecnologica e digitale delle imprese, come previsto dal Piano Nazionale Impresa 4.0. in particolare, possono beneficiare del credito d’imposta le attività di formazione riguardanti:

  • Big data e analisi dei dati;
  • Cloud e fog computing;
  • Cyber security;
  • Simulazione e sistemi cyber-fisici;
  • Prototipazione rapida;
  • Sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata;
  • Robotica avanzata e collaborativa;
  • Interfaccia uomo macchina;
  • Manifattura additiva o stampa tridimensionale;
  • Internet delle cose e delle macchine;
  • Integrazione digitale dei processi aziendali.

Si considerano quindi ammissibili al beneficio del credito d’imposta le spese relative al personale dipendente impegnato nelle attività di formazione, limitatamente al costo aziendale riferito alle ore o alle giornate di formazione.

Credito di imposta formazione 4.0: modalità di fruizione

Il credito di imposta sarà erogato nella misura del 40% delle spese ammissibili, sostenute nel periodo d’imposta agevolabile. L’incentivo è concesso nel limite massimo di 300 mila euro per ciascun beneficiario. Il credito d’imposta è utilizzabile solo in compensazione, a partire dal periodo d’imposta successivo a quello di sostenimento delle spese ammissibili. Al credito d’imposta formazione si accede in modo automatico in fase di redazione del bilancio, presentando il modello F24 esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock