Ecobonus 2020: detrazioni fiscali fino al 110%

Possono beneficiare dell’ecobonus tutti i contribuenti, anche i titolari di reddito d’impresa.

Redazione MondoPMI
0
0
ecobonus

Tra le varie misure previste dal Decreto di maggio, è compreso anche l’ecobonus per gli interventi di miglioramento energetico e per la messa in sicurezza anti-sismica. Vediamo quindi di cosa si tratta e chi può beneficiarne.

Nuovo Decreto Rilancio per aiutare le imprese a ripartire: leggi il nostro articolo qui.

 

Banca Ifis

 

CHE COS’È L’ECOBONUS?

È una detrazione fino al 110% sugli investimenti in lavori di efficientamento energetico e di messa in sicurezza anti-sismica operati su casi e palazzi. Voluto dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro, l’ecobonus consente alle famiglie di sostenere interventi di riqualificazione energetica o sismica a costo zero, grazie ad un credito d’imposta del 110% per le imprese che si occuperanno dei lavori di ristrutturazione.

Si potrà usufruire dell’ecobonus per lavori svolti tra l’1 luglio 2020 e il 31 dicembre 2021.

CHI PUÒ BENEFICIARNE?

Possono presentare domanda per ottenere la detrazione tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, dell’immobile oggetto di intervento. Quindi:

  • Persone fisiche, compresi i liberi professionisti
  • Contribuenti titolari di reddito d’impresa
  • Associazioni tra professionisti
  • Enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale

I titolari di reddito d’impresa possono usufruire della detrazione solo se gli interventi di riqualificazione interessano i fabbricati strumentali utilizzati nell’esercizio dell’attività imprenditoriale.

COME SI OTTIENE L’ECOBONUS?

Per richiedere l’agevolazione è necessario essere in possesso di questi documenti:

  • L’asseverazione di un tecnico abilitato o la dichiarazione resa dal direttore dei lavori, a dimostrazione che l’intervento realizzato è conforme ai requisiti richiesti
  • L’attestato di prestazione energetica (APE), prodotto al termine degli interventi.

L’APE non è richiesto per:

  • Sostituzione di infissi in singole unità immobiliari e installazione di pannelli solari
  • Installazione di caldaia a condensazione
  • Acquisto e posa di schermature solari
  • Installazione di impianti di climatizzazione alimentati da biomasse combustibili
  • Acquisto e installazione di dispositivi multimediali
  • Acquisto di auto elettriche o ibride plug-in
  • Scheda informativa degli interventi realizzati

La scheda informativa e le informazioni contenute nell’APE devono essere trasmesse all’Enea per via telematica entro 90 giorni dal termine dei lavori.

Vuoi saperne di più? Scopri come funziona l’Econbonus 2020.