Finanziamenti alle PMI friulane per favorire l’innovazione

34,3 milioni di euro per il bando per aiuti agli investimenti tecnologici

Redazione MondoPMI
0
0

Il bando per aiuti ad investimenti tecnologici della regione Friuli Venezia Giulia aveva visto la presentazione di 317 progetti per l’accesso a finanziamenti alle PMI regionali. Di questi, però, solo 264 sarebbero riusciti ad aggiudicarsi l’aiuto, a causa dell’esaurimento del plafond di risorse disponibile. Il Vicepresidente della Giunta Regionale e assessore alle Attività produttive Sergio Bolzonello ha però dichiarato che il Friuli Venezia Giulia si impegnerà a concedere ulteriori finanziamenti alle PMI partecipanti al bando. Al fine di potenziare il tessuto produttivo friulano, l’Amministrazione Regionale ha infatti deciso di concedere finanziamenti a tutte le PMI partecipanti al bando, stanziando ulteriori 4,7 milioni di euro rispetto ai 29,6 milioni previsti inizialmente: di questi, 1 milione è riservato a imprese con progetti di investimento realizzati in aree montane. L’obiettivo del bando era di assegnare aiuti a fondo perduto per sostenere la competitività e l’innovazione tecnologica dei settori produttivi di micro, piccole e medie imprese del Friuli Venezia Giulia: l’impegno preso in questi giorni dalla Giunta Regionale è di ampliare le risorse messe a disposizione al fine di favorire lo sviluppo imprenditoriale di tutto il territorio. Con una spesa complessiva di 34,3 milioni di euro, la Regione prevede di riuscire a soddisfare tutte le richieste di finanziamenti alle PMI presenti in graduatoria. Le 53 PMI precedentemente escluse potranno usufruire delle risorse messe a disposizione dal prossimo venerdì.

[BannerArticolo]

Il finanziamento alle PMI prevede un contributo massimo a progetto di 500 mila euro e una gestione degli aiuti camerale. Gli investimenti previsti tramite i crediti concessi dalla Regione riguardano l’acquisto di beni materiali, quindi strumenti, attrezzature o hardware, beni immateriali e servizi di consulenza tecnologica. L’utilizzo di questi deve essere volto alla realizzazione di progetti che prevedono una tra le seguenti attività:

  • Costruzione di nuovi stabilimenti
  • Ampliamento di strutture già in essere
  • Diversificazione della produzione
  • Cambiamento dei processi produttivi

Le domande presentate per la partecipazione al bando per finanziamenti alle PMI innovative si sono concentrate maggiormente tra le province di Udine (138) e Pordenone (129): nella zona di Trieste e Gorizia invece solamente 50 PMI hanno depositato il proprio progetto. Nonostante il dislivello di numero di richieste pervenute alla Regione, Bolzonello afferma che tutte le aree territoriali investono continuamente in innovazione e riorganizzazione competitiva, ed è per questo motivo che la decisione di concedere maggiori finanziamenti alle PMI friulane vuole essere oltre che un oneroso impegno, anche una sfida.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock