Finanziamenti PMI del Mezzogiorno: in arrivo 380 milioni

Saranno sostenuti lo sviluppo e la ricerca di nuovi prodotti tecnologici.

Redazione MondoPMI
0
0
finanziamenti-pmi-mezzogiorno

Promuovere l’innovazione e accrescere la competitività delle PMI del Mezzogiorno è la finalità dei due nuovi bandi in arrivo dal MISE, che potranno contare su uno stanziamento di 380 milioni di euro a valere sul PON Imprese & Competitività 2014-2020

I finanziamenti si dividono in due diversi interventi: il primo, con plafond di 180 milioni di euro, destinato allo sviluppo alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi esistenti nelle Regioni meno sviluppate (Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia) e nelle Regioni in transizione (Abruzzo, Molise, Sardegna), il secondo, di 200 milioni di euro, finalizzato allo sviluppo di strumenti destinati a grandi progetti di Ricerca & Sviluppo, previsto solo per le Regioni meno sviluppate.

Le tematiche prioritarie individuate dai decreti per lo sviluppo dei progetti, sono quelle definite nella Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente, cioè:

  • Tecnologia dell’informazione e della comunicazione
  • Nanotecnologie
  • Materiali avanzati
  • Biotecnologie
  • Fabbricazione e trasformazione avanzate
  • Spazio
  • Tecnologie  riconducibili alle “Sfide per la società” del programma Orizzonte 2020.

I finanziamenti sono previsti anche per i progetti di ricerca e sviluppo già presentati nella fase 2 del programma Strumento Pmi Orizzonte 2020 che erano stati valutati positivamente ma non finanziati, ai quali è stato riconosciuto il Seal of Excellence, un sigillo di qualità per sinergie tra fondi Sie e Horizon 2020 stabilito dalla Commissione europea.

I decreti mirano a sostenere progetti che prevedono spese comprese tra 800 mila euro e 5 milioni, tramite la concessione di un finanziamento agevolato pari al 20% delle spese sostenute per la loro realizzazione ed un contributo diretto alla spesa, variabile in base alla dimensione dell’azienda e alla tipologia di attività.

Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia, inoltre, potranno contare anche sui 200 milioni di euro messi a disposizione per lo sviluppo di progetti in ricerca e sviluppo riferibili agli interventi agevolativi Industria sostenibili e Agenda digitale. In questo caso i programmi dovranno prevedere spese tra i 5 e 40 milioni di euro.

I termini di apertura dei bandi e le modalità per accedere ai finanziamenti verranno stabiliti in un secondo momento e comunicati tramite il sito del Ministero dello Sviluppo Economico. Nel frattempo, ulteriori informazioni possono essere richieste tramite mail all’indirizzo adg.ponic@mise.gov.it.

Image Credit: shutterstock