Finanziamenti PMI in Toscana: nuovi contributi all’innovazione

Al via i nuovi incentivi all'innovazione delle PMI toscane

Redazione MondoPMI
0
0
finanziamenti pmi in toscana

Aperte le domande per ottenere i nuovi finanziamenti per le PMI in Toscana. Il bando della Regione Toscana mira ad incentivare l’innovazione delle piccole e medie imprese, tramite la concessione di contributi per l’acquisizione di servizi di Audit I 4.0.

Finanziamenti PMI in Toscana: in cosa consiste il contributo?

Con questo bando, la Regione Toscana si propone di aiutare le piccole e medie imprese nell’acquisizione di servizi per l’innovazione. Le agevolazioni saranno concesse sotto forma di contributi in conto capitale, normalmente erogati tramite voucher. La dotazione finanziaria complessiva 2014-2018 è di 1.5 milioni di euro e le risorse finanziarie potrebbero essere integrate successivamente. Gli interventi ammissibili saranno di minimo 5.000 euro e massimo 7.500 euro per le micro imprese, 12.500 euro per le piccole imprese e 20.000 euro per le medie imprese. I finanziamenti alle PMI in Toscana consisteranno in agevolazioni che copriranno le spese nella misura:

  • Del 60% per le micro imprese
  • Del 50% per le piccole imprese
  • Del 40% per le medie imprese
TiAnticipo_Chaplin_banner_728x90

Finanziamenti PMI in Toscana: chi può presentare la domanda?

Possono presentare domanda le micro, piccole e medie imprese e i liberi professionisti, in forma singola o associata; le Reti di Imprese, i Consorzi, le società consortili, le Reti Contratto e le ATS/ATI possono partecipare solo se costituiti da almeno 3 MPMI). Il vincolo fondamentale è la localizzazione della sede o dell’unità locale destinataria nella Regione Toscana. Restrizioni più dettagliate ai finanziamenti per le PMI in Toscana sono riportate alla voce “Requisiti di ammissibilità” del bando.

Finanziamenti PMI in Toscana: quali sono le spese ammissibili?

Le spese ammissibili riguardano esclusivamente i servizi di consulenza in materia di innovazione, conformi alla tipologia A1 “Servizi di Audit e assessment del potenziale” definita dal Catalogo dei servizi qualificati per le imprese toscane, approvato con decreto N. 1389 del 30/03/2016. Saranno quindi finanziabili i costi di consulenza volta a identificare e analizzare la situazione competitiva di un’impresa. Questi servizi sono svolti da team multidisciplinari o da consulenti o manager d’esperienza e servono ad analizzare la situazione strategica dell’azienda e lo scenario competitivo in cui opera.

I progetti di investimento si dovranno concludere entro 6 mesi dalla pubblicazione sul BURT del documento che attesta la concessione dell’agevolazione. Le domande possono essere presentate online tramite l’apposito sistema informatico della Regione Toscana, a partire da oggi 3 aprile e fino al 31 dicembre 2018, salvo l’esaurimento anticipato delle risorse.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock