Finanziamenti UE: 1,4 miliardi di euro extra

Cresce il budget per i programmi operativi già in corso.

Redazione MondoPMI
0
0
finanziamenti-UE

Ammonta ad 1,4 miliardi di euro il nuovo tesoretto in arrivo per l’Italia da parte dell’Unione Europea, in aggiunta a quanto già previsto per il periodo 2014 – 2020. Questi nuovi fondi, infatti, sono un adeguamento rispetto a quanto previsto dal regolamento dei fondi strutturali per questo periodo, che lasciava alla Commissione una somma pari a 4 miliardi di euro affinché fossero Distribuiti ai Paesi europei maggiormente in difficoltà. Con l’Italia, infatti, riceveranno l’adeguamento anche Grecia e Spagna.

Questi nuovi fondi si si sommano al pacchetto di 32 miliardi assegnati all’Italia per i programmi Fesr e Fse, ai 10,4 miliardi del Feasr, destinati allo sviluppo delle aree rurali, e ai 31 miliardi di cofinaziamento nazionale, per un totale che supera i 73 miliardi di euro in arrivo per la programmazione 2014 – 2020.

I nuovi fondi, quindi, verranno destinati da ciascuno dei tre Stati beneficiari agli obiettivi e ai programmi operativi regionali e nazionali già in corso, che verranno ritenuti maggiormente strategici. Tocca al Governo, quindi, decidere se i finanziamenti in arrivo saranno destinati allo sviluppo delle imprese o alle politiche rivolte ai giovani, alla formazione o alla realizzazione di infrastrutture, e via dicendo.

Considerato che i nuovi finanziamenti in arrivo non sono certo “un premio” ma un ulteriore aiuto ai Paesi europei maggiormente in difficoltà, non c’è certo da esultare troppo, ma si tratta comunque di importanti somme di denaro che possono essere utilizzate in maniera intelligente affinché la competitività dell’Italia possa tornare a crescere in maniera sostanziale a livello estero.

Image Credit: shutterstock