Finanziamento piccole imprese: cresce il ricorso al Factoring

Studio Baldassi
0
0

Nonostante i deboli segnali di ripresa a cui si sta assistendo in alcuni settori dell’economia italiana, sono sempre elevati i problemi di accesso al credito per le PMI nazionali. Le difficoltà di finanziamento per le piccole imprese stanno imponendo ad alcune ad andare oltre il finanziamento bancario tradizionale, orientandosi verso altri strumenti capaci di offrire la liquidità necessaria per far fronte agli impegni di brevissimo periodo, come il pagamento delle fatture o degli stipendi.

Una di queste soluzioni è il Factoring, che consiste in un rapporto su base continuativa dove un operatore specializzato (Factor o Banca) acquisisce, gestisce e finanzia anticipatamente (eventualmente garantisce) una parte dei crediti commerciali di un’impresa dopo aver monitorato e valutato la qualità del credito e dei soggetti debitori.

Dai dati emersi nell’ultimo convegno Assifact, l’associazione italiana che riunisce i principali Factor del mercato, emergono dei dati molto incoraggianti nell’utilizzo dello strumento a sostegno dei crediti commerciali. Si attende infatti una crescita del volume d’affari dell’3.8% nel 2013 e del 1.87% per i crediti già in essere.

Previsioni incoraggianti dunque, soprattutto se associati all’impatto del Factoring in Europa che nel 2012 è cresciuto di circa il 5% su base annua ed ha raggiunto un volume di 1.207 miliardi di euro, il 9.36% del PIL continentale.

 

[callto]Cerchi credito per la tua Piccola Media Impresa?[/callto]