Finanziamento PMI siciliane: bando ammodernamenti

La presentazione delle domande inizierà il 27 marzo.

Redazione MondoPMI
0
0

Buone notizie per il finanziamento delle PMI siciliane: sono state posticipate le date di apertura e chiusura del bando “Aiuti alle imprese esistenti per investimenti e macchinari, impianti e beni intangibili e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale”.

L’iniziativa si pone l’obiettivo di agevolare le PMI siciliane nella realizzazione di progetti di investimento con aiuti in regime “de minimis”, ai sensi del Regolamento UE n. 1407/2013. La Regione Siciliana intende sostenere le imprese per rilanciare gli investimenti produttivi tramite la concessione di agevolazioni alle imprese e finanziamento alle PMI siciliane. La dotazione finanziaria disponibile è di 30 milioni di euro e le domande potranno essere presentate dal 27 marzo.

Requisiti per l’accesso al finanziamento alle PMI siciliane per la partecipazione

Possono partecipare le Micro, Piccole e Medie imprese, in forma singola o associata, che siano costituite da almeno 5 anni. Il bando prevede una serie di precisi requisiti per le imprese che vogliano partecipare. Alla data della presentazione della domanda le imprese devono infatti essere in regola con il pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori e con la normativa antimafia e possedere le capacità economico-finanziaria, operativa e amministrativa in relazione al progetto da realizzare. Le aziende devono avere la sede sul territorio siciliano ed esercitare un’attività prevalente che rientra in uno dei codici Ateco ISTAT 2007 indicati nell’Allegato 1 del bando.

TiAnticipo_Chaplin_banner_728x90

Le tipologie di progetto ammissibili

Il costo totale del progetto presentato deve essere compreso tra 30.000 e 250.000 euro. Per le imprese che si occupano del trasporto di merci su strada per conto di terzi il contributo non supererà i 100.000 euro.
Le spese ammissibili per il contributo sono:

  • le opere edili di ristrutturazione nella misura massima del 40% del progetto,
  • impianti, macchinari, attrezzature e conformi alle normative comunitarie
  • software e servizi e-commerce
  • servizi di consulenza e di sostegno all’innovazione (non periodici o continuativi, esulano dai costi di esercizio ordinari d’impresa)

Come si presenta la domanda?

Per avanzare la domanda le imprese devono presentare i loro progetto di investimento, che spieghi nel dettaglio:

  • le diverse fasi di realizzazione,
  • un cronoprogramma che indichi i mesi di conclusione dell’intervento dalla data di avvio,
  • le modalità di realizzazione, finanziarie e gestionali dell’investimento
  • il programma di utilizzo dei risultati che garantisca il conseguimento degli obiettivi.

Le domande possono essere presentate esclusivamente tramite il Portale delle Agevolazioni dalle ore 14 del 27 marzo alle ore 14 del 6 aprile 2018.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock