Fotovoltaico, le specifiche per accedere agli incentivi per le Piccole Medie Imprese

Studio Baldassi
0
0

Il Gestore dei servizi energetici ha recentemente pubblicato la “Guida agli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative”, redatta sulla base delle disposizioni normative contenute nel decreto interministeriale dello scorso 5 luglio.

Attraverso la definizione in essa contenuta, la Guida definisce le caratteristiche degli impianti in grado di accedere direttamente agli incentivi, senza l’obbligo di iscrizione ad un registro: sono considerati impianti fotovoltaici con caratteristiche innovative tutti i dispositivi che utilizzano moduli non convenzionali e componenti speciali sviluppati specificatamente per sostituire elementi architettonici, energeticamente certificabili secondo la normativa nazionale.

La normativa garantisce alle Piccole Medie Imprese in possesso di impianti integrati la possibilità di accedere agli incentivi (senza obbligo di iscrizione al registro), fino ad un tetto massimo di costo indicativo cumulato dagli incentivi di 50 milioni di euro. A questo proposito la Guida definisce in maniera univoca per gli impianti integrati tutte le peculiarità e le necessità burocratiche delle quali devono essere in possesso per richiedere l’ammissione ed avere accesso alle tariffe incentivanti.

Qualora l’impianto non possieda i requisiti richiesti o sia stata raggiunta la soglia dei 50 milioni, l’impresa avrà accesso al credito attraverso la fascia di tariffe incentivanti per “impianti fotovoltaici”, definita nell’articolo 5 del decreto ministeriale 5 luglio 2012.