Imprenditoria femminile: Italia prima in Europa

Secondo Confartigianato sono 1.661.000 le donne che svolgono attività indipendenti in Italia

Redazione MondoPMI
0
0

Che la forza delle donne sia inesauribile è piuttosto risaputo, ma ora a confermarlo sono anche i dati diffusi dall’Osservatorio sull’imprenditoria femminile di Confartigianato, secondo cui le imprese in rosa italiane non hanno pari in tutta Europa. Secondo i dati diffusi, infatti, sono ben 1.661.000 le donne che svolgono attività indipendenti nel nostro Paese, tra imprenditrici e lavoratrici autonome. Con questi numeri l’Italia si piazza al primo posto in Europa, seguita dal Regno Unito con 1.641.300 e dalla Germania con 1.469.000.

A fare da traino sono le 181.482 donne che hanno scelto di aprire un’impresa individuale artigiana con una crescita del 2,5% negli ultimi 10 anni. A queste si aggiungo anche le 354.882 donne che ricoprono il ruolo di socie e collaboratrici all’interno delle aziende.

Per quanto riguarda la distribuzione geografica delle lavoratrici autonome, è la Lombardia a ricoprire il ruolo di protagonista a quota 66.932. A ruota seguono l’Emilia Romagna con 37.343, il Veneto con 37.228, il Piemonte con 32.617 e la Toscana con 31.430. Per quanto riguarda le provincie, invece, in cima alla classifica si piazza Milano, con 17.967 titolari artigiane, seguita da Torino con 16.186 e da Roma con 15.012.

TiAnticipo_Chaplin_banner_728x90

Fanno da contraltare a questi numeri i dati diffusi dallo stesso Osservatorio sull’occupazione delle donne. Si calcola, infatti, che in Italia lavori il 56,9% delle donne senza figli e il 53,2% delle donne con figli. I dati cambiano ulteriormente se si prende in considerazione la classe d’età compresa tra i 25 e i 49 anni: il tasso di occupazione delle donne senza figli è del 70,4%, mentre si ferma al 56,7% per quelle con figli. Si tratta di dati ben al di sotto della media europea, dove il tasso medio di occupazione delle madri lavoratrici è al 71,3%, e molto lontano da record della Svezia, che arriva al tasso record dell’87,4%.

Conciliare vita privata e lavoro, infatti, è un’impresa difficile per ogni donna, ma la capacità tutta femminile di gestire entrambe le cose riesce a colmare anche le situazioni più difficili. I dati di Confindustria ne sono l’ennesima dimostrazione.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock