Investimenti in R&S: in arrivo il credito d’imposta

Redazione MondoPMI
0
0

Il Ministro per lo Sviluppo Economico Federica Guidi mercoledì 27 Maggio ha firmato il decreto attuativo per il credito d’imposta per quanto riguarda gli investimenti in ricerca e sviluppo.

Così il Ministro intervenendo all’assemblea di Confindustria:”Proprio ieri ho firmato il decreto per il credito d’imposta per ricerca e sviluppo che diventa così pienamente operativo” aggiungendo poi “a breve arriverà il decreto attuativo per il patent box“. Il credito d’imposta è rimasto solo sulla carta dal 2013 ad oggi. Tale provvedimento consente a tutte le aziende che intendono effettuare investimenti in attività di ricerca e sviluppo fino al 31 Dicembre 2019 di godere di un credito d’imposta del 25% (per alcune tipologie di investimento si può arrivare fino al 50%) delle spese effettuate in eccedenza rispetto alla media degli investimenti fatti nei tre periodi d’imposta antecedenti al 2015. I vincoli per cui venga riconosciuto tale credito d’imposta consistono in una spesa minima in ricerca e sviluppo di 30 mila euro, mentre il massimo importo annuale destinato a ciascun beneficiario sarà di 5 milioni di euro.

Ora che il Ministro per lo Sviluppo Economico Guidi ha posto la firma sul decreto, questo dovrà necessariamente essere registrato prima dalla Corte dei conti e successivamente essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale per poter diventare operativo a tutti gli effetti.

[callto]CERCHI CREDITO PER LA TUA IMPRESA?[/callto]