ISTAT: lavoro in leggera crescita ma aumentano i giovani disoccupati

Redazione MondoPMI
0
0

“I giovani italiani non sono né bamboccioni né choosy, ma disorientati”.

Sono queste le parole del Ministro del Lavoro Giuliano Poletti, intervistato venerdì primo agosto da Radio Capital, per commentare i recenti dati dell’ISTAT sull’occupazione nel nostro Paese.

Entrando nel merito del rapporto, tra i dati positivi l’istituto registra nel mese di giugno 50 mila occupati in più: il tasso di occupazione in Italia cresce al 55,7% aumentando di 0,2 punti rispetto a maggio e 0,1 sul 2013.

Un incremento che si concentra in particolare sul lavoro femminile: il tasso di occupazione delle donne sale di 0,2 punti al 46,5%, quella degli uomini di 0,1 punti al 64,9%.

Per quanto riguarda il numero dei disoccupati, nel nostro paese è pari a 3 milioni e 153 mila, in diminuzione rispetto al mese precedente (-78 mila), ma in aumento su base annua dello 0,8% (+26 mila).

Per molti un primo timido segnale di ripresa occupazionale che però non cancella l’emergenza lavoro ancora presente. Il dato più negativo è infatti registrato dall’occupazione giovanile.

Per la fascia d’età 15-24 anni il tasso di disoccupazione – cioè la quota dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca di lavoro – è salito al 43,7%, in crescita di 0,6 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 4,3 punti nel confronto tendenziale. I disoccupati under 24 sono 701 mila, in crescita dell’8% rispetto al 2013.

Se guardiamo a livello territoriale la “nuova occupazione” riguarda principalmente il centro nord mentre le altre regioni del mezzogiorno continuano a perdere terreno.

In questo contesto, secondo il Ministro c’è la necessità di sostenere le Piccole Medie Imprese che fanno ancora molta fatica ad accedere al credito, riducendo da un lato il costo del lavoro e dall’altro aumentando la domanda e favorendo i consumi. Per quanto riguarda il dato negativo sul lavoro giovanile, secondo Paoletti: “Sono tanti i giovani che si danno da fare e si mettono in gioco ma è necessario creare punti di riferimento”.

Su questo tema, segnaliamo il progetto Garanzia Giovani: il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile che in Italia mira a costruire un ponte tra giovani ed imprese.

Programmi, iniziative, servizi informativi, percorsi personalizzati, incentivi: sono le misure previste a livello nazionale e regionale per offrire opportunità di orientamento, formazione e inserimento al lavoro, in un’ottica di collaborazione tra tutti gli attori pubblici e privati coinvolti. Per maggiori informazioni: garanziagiovani.gov.it

[callto]CERCHI CREDITO PER LA TUA AZIENDA?[/callto]